giovedì 31 dicembre 2015

Peeling and mask 2-in-1; Ava Eco Garden

Pro: a me piace tanto: è delicata e rispetta la pelle.
Contro: è una marca poco conosciuta credo, e difficile da trovare.
Prezzo: circa 9 euro per 30ml -credo!
Dove: a Bologna viene venduta in una bioprofumeria in via Oberdan.

Mi sono presa qualche giorno per... mangiare. Dormire. Leggere. Ma soprattutto mangiare, siamo sincere! E anche per stare coi parenti, dai :) spero che il vostro Natale (o qualsiasi cosa festeggiate*) sia stato piacevole. 
Questo è uno dei regali ricevuti un po' in anticipo! L'ho provata subito, perché la mia pelle ne aveva un bisogno tremendo: ultimamente in quanto a maschere sono stata un po' carente e i pranzi/cene delle feste le hanno dato un'altra brutta botta. 
E' una maschera direi per tutti i tipi di pelle: anche se è esfoliante è molto delicata, anzi delicatissima. La texture è piacevole, con granuli non troppo grossi; il profumo è fedele all'etichetta: molto lieve, di cetriolo, a me piace. Ne ho stesa una modesta quantità su tutto il viso, ho lasciato agire circa 15 minuti e ho risciacquato con acqua calda, massaggiando. Sul viso, mentre agisce, non si secca come una maschera "classica" ma viene leggermente assorbita dalla pelle. Mentre la risciacquavo la sentivo un po' appiccicosa e temevo ungesse. 
Invece ho avuto una bellissima sorpresa: pelle morbida e soffice, ma non unta. Spesso maschere di questo tipo tendono ad aggredire la pelle o a seccarla. Invece era piacevolmente idratata e luminosa.
Ha rimosso impurità e soprattutto non mi ha dato problemi di reazioni o sfoghi, cosa che per me è sempre importantissima. 

Ok, il brand? Mi pare di capire che sia polacco -digitando il nome su Google vengono fuori risultati solo in polacco praticamente. Chi me l'ha regalata mi ha detto di averla comprata in una bioprofumeria in via Oberdan, in centro a Bologna. Bioprofumeria che finora mi era sfuggita! In un sito polacco il prezzo è di circa 9 euro, ma non so a quanto possa essere venduta in negozio in Italia. Io ho via Oberdan a, diciamo, due minuti dall'università e cinque da casa, però è un peccato che come marchio sia così "misterioso".
Se il prezzo è di 9 euro per 30 ml mi sembra discreto, considerando che non se ne usa molta ed i risultati soddisfacenti che dà. Io mi sentirei proprio di ricomprarla o regalarla a mia volta :D 

L'INCI è ovviamente verdissimo e certificato Ecocert. 
Conoscete questo brand? Io cercherò di approfondirne la conoscenza perché il "primo incontro" è stato proprio piacevole! :)


*sarò ripetitiva, ma lo dico sempre: io il 24 festeggio l'incoronazione di Carlo Magno.

mercoledì 16 dicembre 2015

Fondotinta Perfect&Natural, Deborah Milano

Pro: un fondotinta verde degno di questo nome ad un prezzo accessibile!
Contro: sinceramente nessuno. 
Prezzo: circa 11€.
Dove: grande distribuzione.


Dite che una settimana è abbastanza per testare e recensire un fondotinta? Facciamo di sì, perché a parlarvi di questo fondo Deborah ci tengo!

Ammetto lo scetticismo iniziale: le grandi case "mainstream" che si buttano sul mercato bio/verde mi fanno sempre un po' storcere il naso, anche perché il 99,9% di "bio" c'è solo la dicitura. La solfa "una formula senza parabeni, siliconi, petrolati e acrilati, senza rinunciare alla performance cosmetica" non mi aveva attratta particolarmente, ma stavo finendo i fondotinta Avril e la CC Cream So'Bio Etic, e il prezzo di questo è di circa 11€. Spero non sia un prezzo di lancio iniziale ma rimanga così, lo trovo un prezzo competitivo.

Il packaging è essenziale, piccolo, pressoché identico come forma e dimensioni a quello Avril, ovviamente un formato da 30ml. Le colorazioni sono sei, io ho preso la 02, Light Rose. Scetticismo anche qua, ero indecisa tra questa e quella precedente, invece è perfetta.
All'inizio la texture mi ha allarmata: è pressoché identica a quella della terrificante BB cream Benecos. E' cremoso, e al contrario del Benecos si stende bene. Purtroppo come tutti i fondotinta ecobio ha il difetto di asciugare abbastanza in fretta -sempre meno velocemente della BB Benecos, per fortuna!- per cui va lavorato velocemente e/o a zone. Io lo stendo con le mani.
Il risultato all'inizio non è stato dei più naturali, lo ammetto. Nel giro di qualche secondo si è uniformato al resto dell'incarnato ed il risultato mi  molto piaciuto: niente effetto maschera, non pesante, molto naturale.
Ora parlerò di quello che vi interessa davvero, ossia la coprenza: copre. Sulla confezione c'è scritto "media coprenza" ed è vero. A me che non ho grandi "disastri" da coprire va più che bene, ho più che altro bisogno di uniformare e ravvivare un po' l'incarnato. Al massimo ho il brufolino mensile da coprire, e quello se lo è gestito più che bene. In ogni caso si può modulare bene, con diversi strati, e resta sempre naturale.
Un aspetto per me molto importante è la lunga durata. Voglio che un fondo sia confortevole e non secchi la pelle, sollevando antiestitche pellicine, cosa che molti fondi ecobio tendono a fare. Questo si comporta benissimo: dopo sei ore la pelle era ancora luminosa e fresca e non tirava.
Credo possa piacere anche a chi ha esigenze in fatto di pelle grassa/mista: non si è lucidato neppure un po' sul naso! La durata per me è di circa otto ore -o magari dura anche di più, ma non ho avuto modo di testarlo per più ore consecutive, ecco.
Ultima nota: non ho avuto problemi di sfoghi o reazioni di sorta, con una settimana continuativa di uso. 
luce naturale 
flash

Insomma, a me piace. A me piace moltissimo, lo ammetto. Brava Deborah. Solo mi auguro che il prezzo non salga nei prossimo mesi, come invece temo accada. 
In rete ho letto pareri discordanti però. A voi è piaciuto? O se non lo avete provato, gli darete una occasione? 

mercoledì 9 dicembre 2015

Mini haul Essence + Deborah

Niente, una esce per andare a restituire un libro in biblioteca e finisce da Coin. Non so come ho fatto, lo giuro. Volevo comprare le famose goccine Essence per asciugare lo smalto, ma già che c'ero... ho fatto pochi acquisti ma a mio avviso azzeccati :) -poi ovvio: dovrò testare tutto ma sono abbastanza fiduciosa! 

Ho preso la palette All About Nudes: otto ombretti per 5€; il rossetto sheer BFF -non avevo mai visto questi rossetti! Li avrei presi tutti, giuro, e la confezione è un sacco carina; e soprattutto il nuovo fondotinta Deborah, quello "verde". Ammetto di avere alte aspettative per questo fondotinta: sono sempre un po' scettica verso le rande case che si danno alla cosmesi verde, ma il prezzo mi ha convinta :D 
Stasera ne approfitterò per testare il tutto, spero di esserne soddisfatte! E ovviamente ve ne parlerò diffusamente :)


lunedì 7 dicembre 2015

Yves Saint Laurent Pur Couture in L'orange

Pro: è un rossetto stupendo: colore stupendo, texture stupenda, tutto stupendo. 
Contro: a prezzo pieno non so se lo acquisterei 
Prezzo: circa 32 euro. Io ho approfittato dell'offerta del giornale Grazie: una minitaglia a 1,50 euro.
Dove: grande distribuzione.

abbastanza difficile vedere il colore :P
Un paio di mesetti fa (quasi) tutta Italia accorreva in edicola per comprare il numero di Grazia con sopra la meravigliosa, fantastica, perfetta, eccetera Cate Blanchett. Improvviso amore per l'attrice australiana? Forse. O forse il fatto che con 1,50€ c'era inclusa una minitaglia di Pur Couture Yves Saint Laurent?
Innanzitutto, una nota polemica. Ho avuto conferma che al sud questa promozione non c'è stata. Me ne sono lamentata su Facebook, e ribadisco che se lo avessi saputo prima non avrei acquistato rossetto e giornale. E' inutile negare che le regioni del nord/centro-nord siano spesso "privilegiate" per quanto riguarda iniziative de genere... ed è una vergogna. Grazia ha detto che era una "prova": e allora perché non "provare" distribuendo in alcune regioni al nord, alcune al centro ed alcune al sud? Mi sembra una discriminazione bella e buona.
Tanto più che il rossetto è fantastico. E' stato distribuito in circa quattro colori: un fucsia, un nude, un rosso, e questo rosso-arancio -direi, ma non ho capito bene. All'inizio pensavo che il "rosso" fosse questo rosso-arancio. Si acquistava il rossetto "a scatola chiusa": una confezione cartonata enorme non consentiva di vedere il colore, anche se alcune ragazze hanno detto che schiacciandola si riusciva a vedere l'adesivo col nome della nuance. Io non ho schiacciato nulla: ho avuto fortuna e basta, per una volta! :)

Il colore è un bel rosso-arancio molto, molto fluo. Sinceramente? Io non lo avrei mai, mai comprato. E avrei fatto male, perché ho trovato coraggio, l'ho provato e molto poco modestamente devo ammettere che mi dona proprio! Magari mi donerebbe ancora di più con un po' di colore e abbronzatura, ma per quello dovremo aspettare alcuni mesi, temo :( 
Il prezzo pieno su Sephora è di quasi 32€: sono davvero tanti. Il profumo è, citando mia madre "profumo di rossetto costoso", e ha ragione: è ottimo, non invadente. La confezione è molto lussuosa: dorata, leggermente a specchio... magari potrebbe tornare utile per qualche ritocco fuori casa!
Il finish è cremoso, né mat né lucido: il classico rossetto che non siamo più abituate a vedere. . Una passata e si ottiene un colore pieno e brillante; è molto pigmentato.

Per testare la durata dei rossetti io sono pessima, perché anche in inverno sono sempre attaccata alla bottiglietta dell'acqua a bere. Anche così, però, ho notato che ha una ottima durata: su di me è durato circa sette ore, mangiando qualcosa, bevendo molto, parlando anche di più. 
La cosa che a me interessa dei rossetti, però, non è la durata, ma il comfort e l'idratazione. Essendo un rossetto così pigmentato naturalmente non mi aspetto chissà qualche idratazione, però sono rimasta piacevolmente sorpresa: non secca le labbra, non si deposita nelle pieghe, non evidenzia eventuali pellicine e non si accumula nel contorno labbra.
A me come rossetto è piaciuto tantissimo! Sono stata contenta del colore "casuale": come ho detto io non lo avrei mai comprato, invece mi piace molto.

Voi avete avuto la possibilità di comprare questo numero di Grazia? Cosa ne pensate della -a mio avviso- pessima distribuzione?

giovedì 26 novembre 2015

Wet'n'Wild XXL Lash Mascara

Pro: nessuno, sinceramente.
Contro: Non allunga, non infoltisce, curva poco... e fa un odore tremendo.
Prezzo: circa 4 euro.
Dove: trovo Wet'n'Wild da OVS.
Ecco, il momento del pareggio: adoro questa palette, e invece questo mascara mi ha delusa parecchio.
Li ho comprati assieme, tra l'altro, e continuo spesso ad usarli assieme... ma l'effetto finale non è proprio quello che spererei di vedere. Sì, io in fatto di mascara sono assurdamente esigente. E non penso neanche "costa neppure sei euro, cosa speri di ottenere" perché alcuni dei mascara migliori in giro sono Essence e Catrice. Quindi sei avete sei euro da investire e volete un buon mascara, state alla larga da questo e puntate dritte sul Princess Lashes Essence.
Ma perché è così pessimo? Innanzitutto, puzza. Un odore fortissimo, chimico, davvero insopportabile. 
Lo scovolino è molto lungo e sottile, trovo che non separi bene le ciglia. 
Il problema, in realtà, non è che faccia poco, è che per vedere risultati visibili bisogna insistere e lavorarci un po'... un po' troppo. E anche lavorandoci non è che si ottenga chissà quale risultato. Con una passata ottengo esattamente le stesse ciglia che ho già. Con due passate si allungano leggermente. Aspetto qualche secondo, e do la terza passata, muovendo a zig zag lo scovolino: con grande fatica separo leggermente le ciglia.
Dopo tutta questa fatica, si spera che il mascara duri a lungo e non si sgretoli, ver
o? Sì, si spera. Ma non accade. Cioè, non è che si sgretoli, semplicemente se ne va. Semplicemente dopo qualche ora torna alla passata numero uno.
Grande delusione, davvero, soprattutto per me, fermamente convinta che i mascara drugstore spesso siano ottimi. Spesso, non sempre, e questo non è neanche buono, figuriamoci ottimo.

Quindi... visto che per ora siamo 1-1, quale prodotto Wet'n'Wild mi consigliate per una recensione positiva? Io ho sentito parlare bene dei rossetti!
senza mascara
 con mascara. No, lo sguardo da triglia delle sette del mattino non è compreso col mascara. 

giovedì 19 novembre 2015

Bomb Cosmetics Sugar Lips Moisturising Lip Balm In Fruit Salad

Pro: un balsamo profumatissimo e super idratante. Adoro!
Contro: per me è scarsamente reperibile.
Prezzo: circa sette euro.
Dove: io l'ho trovato nella farmacia di piazza Maggiore, a Bologna.

Da quanto tempo volevo parlarvi di questo prodotto? Tanto, ma il tempo -più o meno- esatto lo so: un anno! Mi ha salvato la vit... ehm, le labbra, quando circa un anno fa ho "lavorato" come segretaria ai seggi! Anche in questo periodo mi è molto utile: coi primi freddi mi si sono screpolate le labbra così velocemente che praticamente senza accorgermene mi sono ritrovata col labbro inferiore spaccato, e non esagero.
Avendolo preso mia madre, non so bene quando costi: su Amazon circa 4 sterline. Diciamo sette euro? A caso? :D li vale tutti, anche perché lo uso costantemente da un anno ed il vasetto è ancora bello pieno. Me lo ha comprato nella farmacia centrale di piazza Maggiore.
Il profumo mi piace moltissimo. E' dolce e fruttato, forse un po' "sintetico" ma non fastidioso. La consistenza è molto solida, non è il classico balsamo un po' liquido o gelatinoso (io ho sempre in mente il Benetint lip balm come paragone). Può sembrare all'inizio un po' unto.
Il mio uso preferito è la sera: crema idratante, crema mani, e tonnellate di questo lip balm su labbra e contorno. E la mattina mi sveglio con le labbra morbide e riparate. L'ho apprezzato soprattutto nei giorni scorsi: il labbro spaccato di cui sopra mi stava torturando. Un paio di notti con questo balsamo, e si è perfettamente riparato. Si assorbe anche abbastanza velocemente.
Lo uso anche durante il giorno, naturalmente. Non è però colorato, ed è solo leggermente lucido. E' però un'ottima base per rossetti poco confortevoli o idratanti.
Non è naturale -il petrolatum, in prima posizione nell'INCI, è rosso-, ma se questi sono i risultati, allora ci passo sopra volentieri.

Mi dispiace che in giro non si parli di questi lipbalm (vorrei anche gli altri aromi) e capisco che sia difficile da reperire, ma se lo vedete in giro, non lasciatevelo scappare! Lo avete avvistato? :D 

domenica 15 novembre 2015

Gamila Secret Mini Cleansing Bar

Pro: è un buon sapone neutro. 
Contro: costa parecchio, e per me vale un terzo del suo prezzo.
Prezzo: più di 12€, di sicuro, per 30gr di sapone.
Dove: a Bologna in via Santo Stefano da Iacai, sul web qui.


Ieri, essendo tornata online dopo una settimana senza wi-fi, avevo detto che avrei recensito un lucidalabbra coreano. Ho invece deciso di recensire questo sapone. Il perché é presto detto: il mio è un blog di recensioni, spero di essere "utile" a qualcun*, di consigliarvi buoni prodotti... e di farvene evitare alcuni facendovi risparmiare così qualcosa. Ecco, questo è uno di quei casi!

Innanzitutto, è un regalo, ed io ODIO parlare male dei regali... eppure, non posso parlare bene di questa saponetta. Perché costa, ed anche abbastanza: non trovo online proprio quella che ho io, ma da qua possiamo farci una idea dei prezzi. Faccio una media, e 30gr di sapone a 12€? No, grazie.
La confezione è molto lussuosa, anche troppo per i miei gusti! :D c'è tutto un bel libretto di spiegazioni, che illustra le qualità e le proprietà del sapone e ci dice chi è e cosa fa Gamila (che è una nonnina della Galilea). Short story: sapone indicato per pelli sensibili, nutre, e si consiglia di usarlo per minimo 28 giorni, che è il ciclo naturale della pelle, e così ho fatto: mattina e sera -ok, magari la mattina non sempre, ma la sera sì, dopo essermi struccata-, lasciare agire la schiuma per qualche secondo sul viso e risciacquare. Ovviamente mi sembra un po' poco "forte" per struccare, quindi lo uso dopo il mio latte detergente Cien. Ho anche provato ad usarlo col Clarisonic, ma preferisco i metodi "tradizionali" in questo caso.

Ammetto che dopo l'uso la pelle non tira, non è rossa, non la sento secca... è un buon sapone. Ma dopo 28 giorni? Sinceramente non ho riscontrato nessuna differenza. Io ho una pelle normale e sensibile, non ho problemi di acne o brufolini. Magari una persona con diverse esigenze -magari una pelle secca, o una pelle da "normalizzare"- potrà trarne beneficio, ma anche in questo caso credo ci siano in commercio prodotti validissimi allo stesso prezzo, se non addirittura a prezzo inferiore.
Non so, questa non è una recensione negativa, però sono sicura che io a quel prezzo non avrei mai comprato 30gr di sapone. Per 12€, che però sono sicura siano di più, voglio, appunto, di più. 
I prodotti Gamila Secret sono in vendita in siti molto "verdi", quindi direi che i loro ingredienti siano a posto :D ammetto di aver buttato la confezione prima di darci un'occhiata, però è totalmente senza profumo e non mi ha creato problemi o sfoghi -credo che quello degli ultimi giorni sia dovuto agli esami, al periodo del mese e ai wafer.

Conoscete questa marca? Perché sul web ne sento parlare poco! Oppure, per quale sapone spendereste felicemente più di 12€? 

lunedì 9 novembre 2015

♥ Dermaplus per pelli sensibili #DedicataaTE ♥

Vi ricordate quando vi parlai di Dermaplus la prima volta? Avevo appena aperto il pacco ma già si sentiva quel profumo buonissimo che ancora oggi, dopo un mese di utilizzo, continua ad incantarmi. 
In un mese ho potuto farmi una idea completa di tutto... e so che non dovrei spoilerare già così alla terza riga, ma è amore. Soprattutto per il profumo, ma anche per le performance.
Io ho una pelle sensibile, lo sapete. Sensibile? Sensibilissima. E' spiacevole ritrovarsi con la pelle secca, dopo la doccia, a causa del detergente -in realtà è proprio fastidioso, altroché. Questo invece è davvero "confortevole": deterge, idrata e rispetta la pelle. Ero parecchio scettica all'inizio, lo ammetto, perché vedevo poca schiuma... ed io sono una "credulona", che si esalta quando vede un mare di schiuma e pensa che un prodotto valga poco quando, appunto, ce n'è poca. Eppure, dopo tre anni e passa di blog dovrei aver imparato che spesso è il contrario, e che i prodotti con meno schiuma sono anche i meno aggressivi. Questo è delicatissimo, e lo è in tutto: sotto la doccia il profumo è delicato, poco persistente, e una volta asciugatami neanche si sentiva più. 
L'ho usato anche sul viso e si è comportato bene anche in questo caso: la pelle è rimasta elastica ed idratata. Sarà perché contiene avena? :) mi ha ricordato quei detergenti che usavo da ragazzina!
Il formato è davvero grande e vantaggioso: 500ml, e sono appena a metà!

Il pezzo forte di questo kit è sicuramente la crema idratante. Si presenta bianca e soda e la prima volta che l'ho messa pensato fosse un po' grassa,a ho dovuto ricredermi: si assorbe nel giro di pochi minuti e la pelle rimane molto idratata, e molto a lungo. Il profumo è qualcosa di un altro mondo, lo giuro. Se esistesse il commercio proprio "il profumo", lo comprerei ad occhi chiusi, senza pensarci due volte! E' dolce e nonostante non sia forte è particolarmente persistente: se non amate i profumi che durano a lungo, allora non fa per voi... io, invece, credo di aver trovato "il mio". 
 L'ho usata ogni giorno, ma la vedevo diminuire stranamente in fretta... diciamo un po' troppo per l'uso che ne faccio! Poi ho scoperto che è apprezzata anche da mia madre ed il mistero della crema mancante è stato risolto :)  
Anche in questo caso non ho avuto nessuna reazione. Nessun prurito, nessun brufolino strano da allergia, niente di niente. Come tutti i prodotti Dermaplus è adatta a chi ha allergia al nichel -non sono una di queste, ma apprezzo molto che sempre più aziende, specialmente italiane, abbiano un occhio di riguardo per queste cose! 
Ho apprezzato moltissimo la crema, lo avrete capito :D ne ho ancora e non dubito che la finirò e la comprerò, perché ormai mi sono abituata a quel profumo sui vestiti e alla pelle magnificamente idratata a lungo. 

La deocrema è tutto quello che si può chiedere in un deodorante. No, non sono le famigerate millemila ore di freschezza (parliamone: CHI ha bisogno che il deodorante regga più di 24h... significa che non si fa la doccia. E non voglio neanche pensarci!), ma semplicemente che si assorba velocemente, non macchi i vestiti e non abbia una profumazione improbabile.
Asciugarsi velocemente: c'è, a patto che se ne metta poco -non come facevo io all'inizio. Ne basta davvero una punta invisibile.
Nom macchiare i vestiti: sì, per fortuna. 
E fortunatamente questo non ha nessun profumo. Amo le creme profumate, ma i deodoranti profumati proprio non li sopporto, anche perché la profumazione è spesso nauseante e "troppo". Questo è molto neutro. Facendo parte della linea per pelli delicate è anche questo testato per il nichel e non mi ha dato problemi di prurito o reazione.
Il mio primo mese passato con Dermaplus è stato davvero bello e molto "calmante" per la mia pelle. Spesso mi lascio prendere ed entusiasmare da packaging graziosi e mi dimentico che invece la pelle, soprattutto quella sensibile, ha esigente del tutto particolari, che vanno soddisfate. Mi sento di consigliare i prodotti Dermaplus soprattutto -ma non solo!- a chi ha "problemi" di pelle reattiva e sensibile e chi si ritrova sotto la doccia e con la crema in mano più volte al giorno -ad esempio per motivi di sport. 
 I prodotti Dermaplus sono acquistabili in diversi centri commerciali (qui) lo store locator, cosa che credo proprio farò! :D 

martedì 3 novembre 2015

Crema mani nutriente e protettiva; Biofficina Toscana

Pro: è tutta-tutta-tutta naturale... 
Contro: ... e basta però. Trovo il prezzo eccessivo e la profumazione sgradevole. 
Prezzo: circa 9€.
Dove: io, a Bologna, trovo Biofficina Toscana in via San Vitale ed in via Santo Stefano. 

Siamo ad un pareggio. Sto continuando ad usare questa emulsione viso di Biofficina Toscana e sono certa che quando la finirò la ricomprerò: è la crema per me. E' perfetta, non mi ha dato problemi... allora l'altro giorno, dovendo comprare una crema mani, ho pensato di ri-provare qualcosa di questo brand.
Non lo avessi mai fatto. Pessima, pessima idea Laura. Il prezzo magari doveva mettermi in allerta: 9€ per 75ml di crema mani... uhm, un po' tanti. Ma ero curiosa, e se è di qualità allora li spendo volentieri, anche se io di crema mani ne consumo davvero tanta.
Il profumo mi viene descritto dalla commessa come "vaniglia e miele". Bene, buono... NO. Quando la metto sento un fortissimo profumo agrumato. Che già a me non piace affatto, ma questo è particolarmente forte e, purtroppo, particolarmente persistente. 

Contiene miele ed olio di oliva ed è fatta per pelli screpolate. 
Non ho particolari esigenze in fatto di crema per le mani: però in questo periodo, come ogni anno, pelle inizia a screpolarsi, arrossarsi e, in alcuni periodi "estremi", sanguinare. Voglio una crema mani che idrati molto e possibilmente non rimanga appiccicosa a lungo, ma si assorba in fretta. Chiedo molto? No. Soprattutto ad una crema mani da nove euro!
Questa non si assorbe in fretta, ecco. E' molto liquida, e per alcuni minuti mi ha lasciato le mani biancastre. Si assorbe dopo una quarantina di minuti. E quando si assorbe lascia come una patina appiccicosa sulla pelle. Per farla andare via mi sono dovuta lavare le mani. 
Idrata anche abbastanza poco, e poco a lungo: dopo circa quattro ore sentivo già la pelle tirare. Faccio moltissima attenzione alle mie mani perché in questo periodo sto ricamando i regalini di natale, quindi le ho sempre sott'occhio!

Bocciata su tutta la linea! Prezzo eccessivo per le sue performance, odore sgradevole... proprio non mi è piaciuta. Non so come riciclarla sinceramente. 
Per ora il mio giudizio su Biofficina Toscana è in stallo: cosa mi suggerite di provare? :D

mercoledì 28 ottobre 2015

Smoss Air Touch Mineral Blush

Pro: buona texture, pigmentazione e durata.
Contro: è una marca abbastanza sconosciuta ed introvabile. 
Prezzo: meno di 4€.
Dove: io l'ho comprato in un negozio a Rouen, in Francia. 

Oggi sono in casa, con la pioggia, due denti del giudizio che premono ed un blush da recensire su cui non ho praticamente informazioni! :D partiamo bene, vero? 
Se debbo essere sincera mi ero totalmente scordata di recensire questo blush, ed è un peccato perché è molto grazioso. L'ho acquistato più di un anno fa in Francia, in un negozio che vendeva stock di molte marche -L'Oréal, Maybelline, forse qualcosa anche Wet'n'Wild- e di cui mi sono naturalmente dimenticata il nome. E' un concept interessante, perché così i prezzi calano vertiginosamente e si possono fare ottimi acquisti!
Tipo questo. C'ho messo un paio di minuti solo a capire il nome -mai sentito, ça va sans dire-: Smos2? Smos? E' Smoss, ma scritto in modo un po' confusionario. Non trovo un sito per questa marca ma tra le blogger francesi sembrano essere apprezzati i pennelli.
Io sono stata naturalmente attratta dal colore, anzi dai colori: sono due, corallo-mattone. Il più scuro ha qualche minuscolo brillantino, praticamente invisibile, e davvero molto "raro". Mi sento di dire che sono senza brillantini! E' il #77 Sunkiss, e ha un bel finish satinato. Se esistesse un sito, sarei curiosa di vedere gli altri colori :D il colore mi ricorda vagamente il CORALista di Benefit, a voi no? 
La texture mi piace molto. Non è affatto polverosa come ci si potrebbe aspettare da un blush a basso budget. E' cremosa, si stende bene. Ed è sorprendentemente pigmentata! Io all'inizio non me lo aspettavo, ho calcato troppo la mano e sono finita tipo clown. 
Non ho ancora provato i singoli colori separatamente: preferisco mischiarli. Mi piace molto l'effetto che da sulle guance però: una volta capito che ne basta davvero poco, si fonde bene con le guanciotte, è parecchio naturale!

Quello che mi ha piacevolmente sorpresa di più però è la durata. E' davvero ottima. Messo al mattino dura tranquillamente fino a sera, sbiadendo solo un po'.
Il mio consiglio sarebbe ovviamente di acquistarlo... ma dove? Non riesco neanche a trovare un negozio online, niente di niente. Ed è davvero un peccato perché sarei anche curiosa di provare altro.
Ultima cosa: ma è davvero "minerale" come riporta la confezione? Il Biodizionario mi da un rosso (Dimethicone) in terza posizione... quindi no!
Voglia di provare altro di questa marca rimane uguale! Voi avete qualche cosmetico così? Marca strana, pessima reperibilità ma ottime performance? :)

lunedì 19 ottobre 2015

Wet'n'Wild Color Icon Eyeshadow Trio in #Walking on Eggshells

Pro: colori graziosi, con una buona texture e pigmentazione, durata discreta e prezzo competitivo. 
Contro: il colore più scuro non è molto pigmentato.
Prezzo: circa 5€.
Dove: OVS.
Ho dei vaghissimi ricordi Wt’n’Wild, roba dei tempi del liceo: in particolare un terrificante lucidalabbra liquidissimo, con brillantini così grossi che li sentivo “fisicamente” sulle labbra. Brrr. Poi è sparita dagli scaffali italiani ed è ritornata una decina di anni dopo, e questo nuovo incontro è stato decisamente più positivo. 
Ho letto in rete di queste palette trio e quando le ho viste non ho avuto dubbi sul colore da scegliere! Packaging essenziale e semplicissimo, comprensivo di due (inutili) pennellini. Non so mai cosa farmene: li ho provati una volta, e sono davvero troppo corti, sono difficilmente utilizzabili. 
All’inizio, senza neanche aprire la confezione, mi ero fatta l’idea che gli ombretti fossero molto polverosi: vedo che avevano “sporcato” i pennellini, e dato che il sigillo era ancora intatto… invece no, non sono polverosi, affatto. Anzi, hanno tutti una texture liscia, pigmentata -a parte per uno, che andremo a vedere- e tengono parecchio.

Il mio preferito dei tre -che ve lo dico a fare? :D- è Eyelid. Potrei mettermi Eyelid su tutta la palpebra, arcata sopracciliare, angolo interno, poi mascara e basta, sono a posto. Ma allora il mio “lavoro” qua sarebbe finito! Però sì, è quello che preferisco dei tre, decisamente. E’ il più pigmentato, shimmer, con un bel colore che volendo si potrebbe anche convertire in illuminante per gli zigomi. 
Una cosa interessante di questo ombretto è che mi ricorda molti ombretti di UD (soprattutto questi questi), sia come finish (quasi metallizzato) che come pigmentazione, resa e durata… ma senza ritrovarsi le guance piene di brillantini come spesso accade con gli UD!
Browbone mi lascia abbastanza indifferente. Per me è troppo chiaro e freddo, ma è indubbiamente un buon ombretto. Illumina benissimo arcata sopracciliare ed angolo interno, ma spesso faccio fare il suo lavoro ad Eyelid. E' mediamente pigmentato: meno di Eyelid, più di Crease.
Crease all’inizio non mi piaceva. Vedevo -e vedo tutt’ora- una leggera nota di verde che non mi piace del tutto, e mi sembrava poco pigmentato. In effetti è il meno pigmentato dei tre, ma con un po’ di pazienza si riesce a “costruire” bene facendolo diventare più intenso. Però diciamo che no, difficilmente con questa palette si va più in là di un trucco occhi da giorno :D E’ quello più brillantinato. I brillantini sono però molto fini, quasi invisibili. Danno un effetto shimmer quasi "bagnato" che a me piace molto.
Tutti gli ombretti hanno una buonissima durata, direi circa otto ore senza base. Browbone è quello dei tre che dura meno. 
Browbone, Crease, Eyelid

Al di là delle piccole mancanze (un colore meno scrivente degli altri) questa è una ottima palette, che come rapporto qualità/prezzo è in grado di rivaleggiare con palette di marchi più prestigiosi e costosi *coff off Laura Mercier coff coff* 

P.S.: sul nome della palette, Walking on Eggshells, non ho detto niente perché… perché come mi hanno insegnato da bambina, se non hai niente di carino da dire… eccetera eccetera :D 

giovedì 15 ottobre 2015

Make It Happen with Maybelline!

MAYBELLINE #MAKEITHAPPEN
Maybelline Make It Happen*
100 anni sono davvero,davvero tanti -fidatevi, è una storica che ve lo dice :D per una azienda sopratutto, e soprattutto di questi tempi. Sono stata quindi più che felice di essere coinvolta nei festeggiamenti per il centenario della Maybelline: Maybelline è una azienda che conosco sin da quando sono piccola e le sono molto affezionata. Mi ricordo che uno dei primi trucchi “trafugati” dalla trousse di mia madre era un mascara Maybelline, dalla confezione blu lunga e sottile. Era ottimo, tra l’altro! Se lo trovassi ancora in giro lo comprerei, e non solo per il lato nostalgico. 
Ho quindi potuto testare alcuni prodotti tra i più nuovi: il fondotinta Dream Satin Fluide, gli eyeliner Master Ink e il mascara Ciglia Sensazionali. Sono tutti prodotti “semplici”, basici, quasi necessari (magari potessi fare a meno del fondotinta, magari!), proposti però con formulazioni nuove e moderne.  Di nuovissimo c'è anche lo slogan... o meglio, l'invito: perché "Make It Happen" è più un incitamento, una esortazione... un incoraggiamento a dare il meglio di sé -in fatto di make up, certo, ma anche in tutto il resto!


Il fondotinta Dream Satin Fluide è fedelissimo al suo nome… anzi, no: per me la texture, più che fluida, è simile ad una mousse. E’ davvero confortevole sul viso: l’ho portato interi giorni ed intere serate e, se non mi fossi controllata nello specchietto di quando in quando, mi sarei scordata di averlo addosso. Non tira la pelle, non la secca, non evidenzia le eventuali pellicine. L’effetto è quello di una pelle vellutata, con i pori minimizzati ed il colorito uniforme. Il colore che uso io è il 21 Nude, il secondo più chiaro. Mi regala un’aria molto salutare, e non è troppo scuro per la mia carnagione come pensavo all’inizio; quelli più scuri, invece, hanno fatto la gioia di mia madre, che è più olivastra di me.
Il profumo è, come infatti dice il nome, da sogno: dolce, fresco e fruttato. Questo, unito alla texture mousse, rende davvero piacevole stenderlo sul viso. La coprenza è media e modulabile e soprattutto, cosa per me importantissima, non fa effetto maschera o cerone. Se dovessi indicare un target preciso, direi chiunque abbia una pelle non troppo lucida o grassa, perché è un fondotinta molto idratante: a me piace anche per questo. 

Ho completato il makeup usando gli eyeliner Satin e Matte: si tratta dello stesso eyeliner declinato in finish differenti. Quello matte ha una allure retro ed è perfettamente opaco. Personalmente preferisco il finish Satin, leggermente lucido ma è solo una questione di gusti: finish a parte, sono entrambi ottimi eyeliner, che durano tutto il giorno senza una sbavatura. Per rimuoverli, ho scoperto con piacere, basta semplice acqua calda, e niente occhi da panda dopo!
Hanno un pennellino sottile e affilatissimo, di feltro, per creare linee perfette, da quelle ultra sottili per un look discreto a quelle grosse e più marcate. 



Il tocco finale è stato il mascara Ciglia Sensazionali. Quando penso ai mascara penso automaticamente alla Maybelline. Quando ho comprato il mio primo mascara False Lashes ero ancora al liceo… adesso sto finendo l’università! Direi che mi ci sono sempre trovata bene: e infatti anche questo non mi ha deluso. Il primo pregio che ho notato è che la fuoriuscita di prodotto è molto controllata. Non mi sono trovata, come accade con molti mascara appena aperti, con le ciglia appiccicate in un unico blocco nero e pesante: esce la giusta quantità di prodotto, e lo scovolino curvo fa il resto. Ha la particolarità di catturare anche le ciglia più esterne, avvolgendole e nel frattempo non sporcando al di fuori -cosa che apprezzo sempre molto, perché mi permette di mettere il mascara velocemente senza preoccuparmi. Lo scovolino ricurvo, dicevo, separa le ciglia, regala quel bell’effetto “ciglia finte” che a me piace tanto… senza la scocciatura di armeggiare con colla e pinzette e quant’altro. Soprattutto me le ha incurvate -le ho piuttosto dritte- e allungate. 


Ok, messo di fretta :P
Direi che continuerò ad usare questi prodotti con piacere, anche perché hanno quella piacevole allure un po’ nostalgica… mi fanno un po’ pensare ai prodotti che “trafugavo” da bambina nella trousse di mia madre! :D voi cosa avete trafugato, per primo? 

Back to top