mercoledì 28 maggio 2014

So'Bio Etic CC Cream - Correcteur de Teint

Pro: adoro tutto! Il finish, l'INCI, il risultato, il comfort...
Contro: i colori sono solo due! 
Prezzo: circa 14 euro per 33ml.
Dove: a Bologna So'Bio Etic è venduta in due bioprofumeria, una in via San Vitale e l'altra in via San Donato. Altrimenti, c'è il solito Ayanature, che ha però spese di spedizioni allucinanti. 


Cara commessa di una non meglio precisata bioprofumeria nel centro storico di Bologna,
un po' mi dispiace. Ti ho prematuramente infamata, perché quando ho provato questa CC Cream per la primissima volta il colore mi sembrava totalmente sbagliato. Adesso, non dico che ci hai preso e che è il mio colore -ma proprio no, guarda- però non è neanche una cosa così malvagia ed importabile*.
Ciò detto, la CC Cream mi piace un sacco.

giovedì 22 maggio 2014

Haul MAC + So'Bio Etic + Verdesativa


Post notturno :D perché sono appena rientrata a casa dopo una lunghissima giornata in cui, lo ammetto -e lo vedete qui-, sono riuscita ad infilare un mini-haul. Da dopo la laurea non ho più un momento libero e sono stanchissima. Stanchissima ma felice, perché le mie giornate si sono riempite di libri, di amici, di attività sportiva, e di diy. Ma come si sarà notato il blog ne risente. Non posso farci nulla, perché al momento sono incredibilmente felice di queste mie giornate impegnate: posso cercare di trovare un "bilancio", questo sì. 
Comunque, tornando alle cose "serie": cosa abbiamo qui? Innanzitutto abbiamo una foto scattata in fretta e furia nello spogliatoio della palestra. Ma volevo usare subito la CC Cream di So'Bio Etic -sì, sto tipo facendo la collezione. Poi il rossetto mac, nel colore Lady Bug: è un bel rosso lucido e sheer; ormai conoscete i "miei colori". Infine una crema idratante, di Verdesativa: ne ho provato qualche campioncino e mi è molto piaciuta. 
Per i commenti sulla commessa odiosa della bioprofumeria dove ho acquistato CC Cream e crema idratante, vi do appuntamento alle singole recensioni che arriveranno -non disperate. Con calma, ma arrivano anche quelle.

Ed ora vado a letto che sono esausta! :) 'notte belle. 

giovedì 15 maggio 2014

OPI in "Over the Taupe"

Pro: un classico taupe che asciuga in fretta e tiene bene. 
Contro: il prezzo, un po' alto.
Prezzo: appunto, circa 13 euro per 15ml.
Dove: da Sephora, oppure online. 

da sinistra: Big Apple Red, Lincoln Park After Dark, Over the Taupe
OPI per me è uno di quei rari casi in cui un prezzo "altino" (suvvia, 13 euro per uno smalto non sono pochi, anche se la boccetta è immensa!) è completamente giustificato dal prodotto.
Ho comprato un po' di cose OPI al Cosmoprof. Il primissimo che ho provato è stato questo taupe, peraltro un dupe perfetto del classico taupe Chanel. Si chiama "Over the Taupe" e lo sto davvero amando.
E' presto detto il perché: si stende bene, ha una consistenza molto fluida e soprattutto asciuga in pochissimi secondi senza l'ausilio di speciali goccine e/o spray. Anche le passate successive, non solo la prima, sono molto rapide nell'asciugare.
Due passate sono sufficienti, anche se per avere un risultato perfettamente "pieno" ne servono tre. Fin qua, di smalti così ce ne sono tanti. Ma la cosa che mi ha davvero lasciata contenta e soddisfatta è che dopo una doccia era ancora lì, perfetto. Neanche una minima scheggiatura. E ha resistito così tre giorni! Che poi magari avrebbe resistito di più, ma io dopo un po' mi stanco e cambio smalto.
Le famose "dolenti note" sono appunto il prezzo e, credo, la reperibilità. OPI si trova da Sephora ma non credo in tutte -correggetemi- ma forse è meglio acquistare gli smalti online perché costano qualcosa in meno o, se appunto ne avete occasione, al Cosmoprof i prezzi sono più vantaggiosi -questioni, credo, di tasse e cose del genere nelle quali neanche voglio addentrarmi.
Che altro dire di Over the Taupe? Il colore lo vedete da voi -così come vedete che due passate lasciano il colore leggermente trasparente-, asciuga in fretta e tiene bene. Promosso!
due passate, dal mio instagram

martedì 13 maggio 2014

Che sogno racconta il tuo sguardo? Concorso Go Extreme! Maybelline

Maybelline Estate 2014 Voi siete di quelle che, quando incontrano persone nuove, notano per prima cosa occhi o mani? Io gli occhi, decisamente. Dire che gli occhi sono la parte di noi più espressiva, sarebbe dire una ovvietà. Ma dire che è la prima parte che "curo" quando si tratta di truccarmi... questo non lo sapevate, vero? :D Posso uscire senza fondotinta -cosa che faccio spesso- e/o rossetto... ma gli occhi li voglio sempre curati
e super espressivi.
Una cosa che invece sapevate già è che posseggo una quantità industriale di mascara, e presto ne proverò uno nuovo: Maybelline fa entrare un nuovo membro nella famiglia Colossal, il Go Extreme, che non vedo l'ora di aggiungere alla mia pochette. Se non altro perché davvero, ogni beauty blogger che si rispetti ha la sua bella collezione di Colossal Maybelline! :) e tutti assieme così colorati sono proprio belli.
Assieme al mascara Maybelline lancia un concorso: scattatevi -e scattiamoCI- un bel selfie (cosa che, diciamocelo, ormai siamo allenatissime a fare!), che immortali il nostro sguardo in primo piano ed un cartello che racconti, in poche parole, il nostro sogno. Tutti i selfie, corredati dall'hashtag #thinkbig_goextreme sono votabili da oggi su facebook. In palio ben 5000 euro!

La campagna pubblicitaria è in tema con il "sogno" e con il romantico slogan "dove voglio arrivare lo dicono i miei occhi", in ogni sua accezione: ma quanto è carino il video? Non so, mi riconosco davvero in questi cinquanta secondi. Apprezzo l'atmosfera meno "patinata" e così rilassata. La sento, come dire, molto più vicina a quella potrebbe essere la mia vita; mia, delle mie amiche, delle persone che mi stanno accanto...
Ah, mi riconosco fin troppo nella ragazza allo 0.15 -a parte i lunghi capelli dorati e l'essere una modella, diciamo-: i libri che si accumulano sul tavolo ci sono, quantomeno. Il mio sogno, anche quello è riassumibile in quei pochi istanti del video: lo vedo rappresentato dai libri, che indicano un sogno accademico, per il momento ancora confuso, improbabile e lontanissimo, ma non per questo poco desiderato, anzi. Sarei la dottoranda in storia meglio truccata dell'universo, diciamocelo :)
Voi come lo vedete il vostro futuro? :) qualsiasi sia il vostro sogno, grande o piccolo, a lungo o breve termine, vi auguro di cuore di vederlo realizzato. 

lunedì 5 maggio 2014

Cien Intimate body Wash

Pro: ottimo rapporto quantità/qualità/prezzo! Poi ha un buon INCI ed un buon profumo :3
Contro: mi dicono che non sia così facile da reperire.
Prezzo: tipo 2 euro per 500 ml di prodotto. Folle!
Dove: Lidl.



Prima dell'avvento dei beauty blog, se qualcuno mi avesse detto che un giorno avrei usato -e con grande soddisfazione- un detergente intimo come detergente viso, lo avrei preso per matto. Ed invece.
Ed invece lo sto amando, fine. Innanzitutto: scusate per la foto "non mia", ma mi sono dimenticata di fotografare, e ormai, dopo due settimane nel mio bagno, non credo sia il caso.
Comunque. Non cambia il fatto che, effettivamente, la cosa ha senso: è abbastanza delicato per essere usato in posti che hanno molto più bisogno di delicatezza del viso. E allora perché non usarlo proprio per la faccia? 
Ero al Lidl (per le patatine fritte, lo ammetto), l'ho visto, mi sono ricordata di aver letto qualcosa a proposito su internet, così l'ho preso. Tanto non è una grossa spesa e, come dire, se per il viso non funziona si ricicla più che bene :3 
Adesso, non dovete avere grosse esigenze. Tipo problemi particolari alla pelle, perché è veramente molto "basic": a me basta che strucchi, sia delicato e non mi causi sfoghi -d'accordo, forse non ho poi così poche esigenze.
Io prima mi strucco accuratamente -sempre col latte detergente Cien, ve ne parlerò perché è buono anche lui-, poi un paio di gocce di questo sul Clarisonic e via. Pelle assolutamente "normalizzata". Non tira, non secca, niente eruzioni improvvise o sfoghi. 
La consistenza è piacevole, tipo gel, il profumo delicato. Fa anche un po' di schiuma come piace a me :3 e ce n'è davvero tanto. Ma tanto tanto: mezzo litro per due euro, forse anche meno. Cioè, mezzo litro, dico!*.
Veramente, mi piace molto, anche per via dell'INCI. Posso dire che ormai il 70% dei prodotti che uso -per il viso, ovvio. Trucco occhi, labbra, ecc. è sempre rigorosamente non ecobio- è verde, e la differenza la noto. Più delicatezza, e la cosa mi piace. 
Ovviamente non ha la potenza di un detergente tradizionale, ma per struccare il trucco minerale va bene, soprattutto se prima utilizzo, come dicevo più sopra, un latte detergente. 
Inoltre, spulciando un po' in internet, pare che questo sapone abbia mille usi, addirittura shampoo! Credo che domani mattina lo userò proprio così, sono curiosa. E se funziona, corro al Lidl a far scorta. 

L'INCI è questo. Mi pare di capire, anche leggendo in giro, che sia una cosa molto "semplice", base, e innocua.

Aqua, Sodium Laureth Sulfate, Cocamidopropyl Betaine, Sodium Chloride, Sodium Benzoate, Coco-Glucoside, Glyceryl Oleate, Citric Acid, Hydrolyzed Wheat Gluten, Potassium Sorbate, Allantoin, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Parfum

*Di solito scrivo "mi basterà fino alla laurea". E lo stavo per scrivere. Poi mi sono laureata, e ho realizzato che devo trovare un altro modo di dire. 
Back to top