giovedì 20 febbraio 2014

Hair routine + passaggio all'ecobio per i capelli! 。◕‿◕。

Buongiorno bellezze :) in questa uggiosa giornata mi decido a scrivere del mio recente passaggio all'ecobio anche per i capelli. Quello per la pelle mi ha aperto gli occhi: è tutt'altra cosa, davvero.

I capelli "di partenza".
Molto sottili. Troppo sottili. "Coccolati" con l'henné Lush circa una volta ogni sei mesi: per il resto, assolutamente niente tinte.
Allo stesso modo niente styling: innanzitutto, sono incredibilmente pigra. Poi sono incredibilmente incapace. Infine, ho paura di rovinarli troppo e sinceramente, dato che li debbo lavare ogni 48 ore, mi sembra un po' una perdita di tempo. Al massimo li metto leggermente in piega con la spazzola tonda così, giusto per darmi l'illusione di essere una di quelle che ci tengono molto.
A parte qualche goccina di cristalli liquidi, post-doccia non uso nulla; ma spesso mi scordo anche i cristalli liquidi. 
Da quando il parrucchiere, nel 2011, mi ha consigliato di lasciar perdere il balsamo perché li appesantisce, non lo uso ed ho notato miglioramenti su questo fronte: faccio una maschera circa una volta la settimana.
Essendo così sottili tendono purtroppo a sporcarsi molto in fretta, e li debbo lavare dalle tre alle cinque volte la settimana. Ma almeno, visto che non li maltratto affatto, hanno le punte comunque belle morbide e affatto sciupate*. Per il resto, sono un po' piatti, hanno poco volume, ma in alcuni giorni fortunati hanno delle belle onde naturali sulle punte: soprattutto d'estate, quando invece di asciugarli col phon li pettino e poi faccio uno chignon abbastanza "distratto".
Ah, questo inverno ho deciso di ridurre al minimo l'uso del phon: pochissimo calore, ed in effetti sono più morbidi e lucidi.


Cosa usavo:
Ancora prima di passare all'ecobio, avevo abbandonato marche come L'Oréal e Pantene. Queste due in particolare mi rendevano i capelli molto pensati.
Avevo letto che gli shampoo di Garnier sono migliori, ed infatti mi sono innamorata di quello al cedro ed argilla: per chi ha i capelli grassi è una vera benedizione! Credo di aver provato quasi tutti gli shampoo della linea Ultradolce: vuoi il profumo, vuoi il fatto che spesso sono in offerta... e poi mi piacciono: sono molto meno sintetici di altri sul mercato e lasciano i capelli morbidi.
Anche la mia maschera settimana è Garnier: di solito quella all'aceto di mora, perché lucida molto e fa un profumo delizioso :3

Cosa uso al momento:
Beh... li vedete nella foto! A dire la verità da due settimane uso solamente gli shampoo Esselunga. Di questi farò una review bella approfondita, ma per il momento posso dire che mi piacciono molto. Non solo: sono una cosa completamente diversa da quelli non-ecobio! 
Avevo letto e sentito che il passaggio all'ecobio comporta, almeno all'inizio, una certa difficoltà. Verissimo: pettinare i capelli dopo lo shampoo è quasi impossibile, motivo per cui sono tornata al balsamo. Ovviamente solo per le lunghezze, e dato che i miei capelli da questo punto di vista non hanno molte esigenze (non essendo né stressati né colorati) sto attingendo a piene mani da un barattolone del mitico Splend'Or al cocco :3 non è ecobio, ma lo uso solamente sulle punte quindi immagino che i "danni" siano contenuti.

E per ora, come va?
Per ora va meravigliosamente. Ho qualche difficoltà a pettinare i capelli, non solo dopo lo shampoo ma anche dopo, da asciutti. In generale però la sensazione è quella di capelli più folti e corposi... magari è tutta suggestione, eh, ma non credo: diverse persone mi hanno fatto i complimenti per i capelli.
Inoltre adesso si sporcano molto meno in fretta, anche se li lavo ancora abbastanza spesso, un po' perché sono fissata e un po' perché è abitudine.
Sono sempre più decisa a continuare con i prodotti ecobio. Mi spaventa un po' leggere online le routine delle ragazze che hanno fatto questo cambiamento. Hanno routine eterne, complicatissime, fanno mille prove con mille prodotti diversi... ragazze, che devo dirvi? Complimenti per la costanza -e la memoria! Non credo che ora la mia routine diverrà più complicata: non è tanto la mancanza di tempo, è che proprio mi scordo.
Per il momento, quindi, mi trovo molto bene ed in ogni caso continuerò ad usare gli shampoo ecobio dell'Esselunga, anche se vorrei provarne di altre marche.

Avete qualche consiglio?

*e che, dovevano proprio far schifo sotto tutti i fronti?? :D

P.S.: naturalmente, questo non vuol dire che io mi sia trasformata in una talebana dell'ecobio. Per carità! Continuo ad usare molti prodotti non-ecobio, come il detergente viso, il bagnoschiuma, molte creme corpo e tutti i prodotti per il make up ad esclusione del fondotinta/bbcream. Ritengo che magari quello che funziona per me può non funzionare per un'altra persona, e leggevo di molte ragazze che pur avendo insistendo con prodotti ecobio per i capelli proprio non si sono trovate bene; e vi posso promettere che non avrò mai e poi mai i toni che usano certe ragazze in certi forum.
Ritengo che come nella quasi totalità delle cose, ci voglia una sana via di mezzo. 

24 commenti:

  1. Io mi trovo benissimo con lo shampoo di Yves Rocher per capelli colorati, ho iniziato a usarlo un annetto fa e da allora la situazione dei miei capelli e soprattutto del mio scalpo (dopo un tot di tempo che usavo lo stesso shampoo mi si formava la forfora e dovevo cambiarlo x_x) è migliorata tantissimo. Inoltre restano puliti molto più a lungo, a volte reggono anche 4-5 giorni praticamente senza ungersi, è una cosa meravigliosa. Non ho idea se gli shampoo Yves Rocher siano completamente ecobio, in realtà, ma di sicuro sono senza siliconi e si sente. Invece i balsami sono, senza tanti giri di parole, lammerda. Splend'or al cocco tutta la vita (letteralmente, ho comprato il primo flacone un anno fa e non mi è ancora finito XD)

    (ehi ciao, è una vita che non ti commento perché mi pesa il culo a loggarmi su google, ma ti seguo sempre :D hai tutta la mia solidarietà per la tesi, io devo consegnarla fra tre giorni e sto vagamente impazzendo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia della forfora con lo stesso shampoo capita anche a me D: i capelli "si abituano" e le cose non hanno più effetto. In realtà un po' per tutto, non solo per i capelli.
      Di Yves Rocher ho provato pochissime cose, ma so che una linea di cose tutte ecobio ben fornita... non so se ci siano anche gli shampoo, ma controllerò quando andrò a prendere il fondotinta che mi dicono sia molto valido!

      Ah, lo Splend'Or <3 ed io che non lo volevo provare! E' amore. Costa poco e dura una vita. Però mi lascia i capelli un po' piatti...

      (ah, tanto c'è sempre instagram :D il mio vero amore!)

      Elimina
  2. Ciao,
    anche io sono passata all'ecobio per la cura dei capelli. Sto usando la linea della Omia all'Olio di Macadamia (http://www.omialab.it/linea-eco-biologica-cosmetici-naturali-per-i-capelli-aloe-vera-semi-lino-olio-argan/linea-eco-biologica-cosmetici-naturali-per-i-capelli-aloe-vera-semi-lino-olio-argan.php?cat=0&pr=3&apri_m=m3#prodotti__) e devo dire che mi sto trovando davvero bene. Io però ho i capelli mossi e grossi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che invidia i capelli grossi! Non sai quanto, davvero. Anche se ho davvero tanti, sono così sottili che sembra che io in testa abbia quattro peletti D:

      Come ti trovi, essendo passata all'ecobio? :)

      Elimina
  3. Io sono passata da pochissimo al bio per i capelli....tal prodotti Lavera mi pare e mi sto trovando molto male con uno infatti è nella mia rubrica "prodotti osceni".
    Oltre a non riuscire a pettinarli quando esco me li ha seccati sulla cute rendendo i nuovi capelli...quelli piccini che stanno crescendo per capirsi- un ammasso di riccetti che in contro luce sono osceni. Proverò altri shampoo che ti devo dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Quelli piccini che stanno crescendo per capirsi-"
      Oh come capisco. Il punto è che a me non crescono proprio: li ho da quando sono piccola. E restano corti. Ti lascio immaginare la bellezza con la coda di cavallo D:

      Elimina
  4. Non vedo il mio commento, quindi riprovo, mi sa che Blogger non vuole farmelo pubblicare.
    Concordo con la "sana via di mezzo", perché pur avendo fatto io il passaggio all'ecobio un anno e mezzo fa ancora mi capita di usare prodotti che non siano di completa origine naturale.

    Comunque, dicevo: attenzione a fornire informazioni inesatte, Laura.. Degli shampoo che hai nominato nel post non c'è nemmeno l'ombra di ecobio. "Ecobio" è un prodotto che abbia delle certificazioni (www.icea.info), che non contenga ingredienti artificiali ma di origine naturale.

    Garnier avrà anche sfornato un paio di prodotti con l'inci accettabile, ma stiamo parlando di una multinazionale tra le più inquinanti al mondo che fa prodotti per la grande distribuzione pieni di schifezze.. Tra i 3 Garnier che hai nominato si salva quello centrale, forse..
    Secondo me dovresti correggere il titolo e parlare magari di "miglioramento di routine", ma il termine ecobio proprio non c'entra.. :)

    Un abbraccio.
    M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,

      non ho affatto detto che quelli Garnier siano ecobio. Ho detto che sono "leggermente migliori" di altri. Ma da lì a dire che siano ecobio... se si capisce così, mi dispiace! Di ecobio ci sono quelli di Esselunga, che ho sia nominato sia fotografato. Ho fatto qualche ricerca, soprattutto in certi forum -dove le ragazze, vuoi per esperienza, vuoi per pigrizia, sono certamente più informate di me- e lì vengono promossi a pieni voti, per quanto riguarda gli ingredienti.

      L'ultimo, quello Noah, non è certo ecobio ma la lista ingredienti non mi pare malaccio!
      Il titolo non lo cambierò, perché per me si tratta pur sempre di un passaggio. Non ho detto che ora la mia hair routine è totalmente ed insidacabilmente ecobio: ho detto che sto cercando di migliorarla!

      A presto,

      Laura.

      Elimina
  5. Anche io ho fatto questo passo di recente e mi sto trovando bene, i miei capelli risultano più puliti più a lungo, anche se come te, forse per abitudine, continuo a lavarli molto spesso! Però non ho problemi a pettinarli. Amavo lo shampoo Garnier all'aceto di mora, è sempre stato il mio preferito della linea, e magari lo riacquisterò presto! Io ho provato un paio di shampoo Lavera e non mi hanno entusiasmato, invece avevo sentito parlar bene di quelli La Saponaria, così ne ho acquistato uno e devo dire che per adesso mi pare davvero buono e molto meglio rispetto ai Lavera. Immagino saprai del balsamo di Biofficina Toscana, è ottimo e da provare, non ha nulla da invidiare ai prodotti non ecobio e ne basta pochissimo per volta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Biofficina Toscana ho provato solo una crema viso che acquisterò perché è amore vero, mi piace molto! Se mi dici che anche la linea per capelli è valida, ci farò un pensiero :)

      Quello all'Aceto di mora è fantastico, tinge anche leggermente secondo me, o magari è solo una mia impressione. Però a me faceva prudere un sacco il cuoio capelluto, magari per me è un po' troppo aggressivo. Mia madre, con i capelli grossi e spessi, non ha questo problema e lo usa tranquillamente.

      Elimina
  6. io con i garnier fructis mi sono trovata malissimo!!! con i garnier ultra dolce invece davvero bene!!! :)
    io non riuscirò mai ad avere una hair care routine completamente bio... non posso infatti rinunciare alla mousse per capelli ricci sunsilk... è fantastica e i miei capelli la adorano!! ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche a me i Fructis fanno impazzire, anche se credo che non troppo tempo fa ne fosse uscito uno totalmente ecobio: quello sarei curiosa di provarlo.

      Elimina
  7. Stesso identico problema! Capelli super fini. Dopo tante prove, uso da un paio d'anni lo shampoo Dorian Gray di Lush (sarebbe per le bionde ma va bene per tutti) e devo dire che mi trovo bene, dona volume e lascia i capelli puliti un po' più a lungo rispetto a tanti altri che avevo provato.
    L'errore più grosso è stato quello di usare shampoo per capelli grassi che a prima vista sembravano funzionare ma non hanno fatto altro che appesantirmi i capelli.
    Da una settimana circa sto usando l'ultimo della L'Oreal, Elvive Fibralogy creato per i capelli fini. L'ho comprato senza aspettarmi niente di che ed invece mi sto ricredendo, non è affatto male, mi piace molto come lascia i capelli, molto più voluminosi. Non credo proprio abbia ingredienti immacolati e a dire il vero non me ne sono mai preoccupata più di tanto... comunque l'idea dei prodotti bio mi sta tentando sempre più, mi piacerebbe iniziare a provare qualcos'altro oltre Lush...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, spesso c'è l'effetto rebound: sgrassa talmente tanto ed è così aggressivo che alla fine viene prodotto ancora più sebo -bleah! Stessa cosa per la pelle :) spesso chi l'ha grassa la aggredisce e alla fine si secca.

      Io quando ho visto la pubblicità del Fibralogy sono stata abbastanza tentata, ma mi sono imposta di resistere... chissà se ce la farò :)

      Elimina
  8. Sono sempre alla ricerca della migliore routine per i capelli...in quanto non amo lavarli spesso ma voglio sentirmeli puliti per alcuni giorni.Al momento mi trovo bene con un impacco pre-shampoo a base di miele+olio di cocco+karitè e se possibile un pò di yogurt bianco che lascio in posa dai 15 min in sù (dipende che ho da fare) e poi lavo con uno shampoo diluito e nel ultimo acqua e aceto di mele.In questo modo vengono abbastanza bene , anche se voglio un pò perfezionare.Ieri sera ho messo solamente dell'olio di argan e li ho lavati questa mattina...mi sono sembrati corposi e non pesanti.Faccio anche io il hennè...1 volta al mese.Con il tempo , i risultati ci sono...anche se ci vuole pazienza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se io mi mettessi sui capelli un impacco del genere credo che diventerebbero pesantissimi D: figurati che sto ben attenta a non farmi andare il balsamo sulla cute! Al momento voglio provare a fare un balsamo ecobio!

      Complimenti per l'hennè una volta al mese: io dubito avrei la costanza, e finirei per dimenticarmene :D

      Elimina
  9. Anch'io mi trovo paradossalmente meglio con gli shampoo dell'Ultra Dolce invece che con marchi professionali.
    Io ho provato a passare all'eco bio ma poi per pigrizia non sono mai riuscita ad essere costante.
    Cerco di evitare prodotti con inci pessimi e siliconi e per ora funziona!

    RispondiElimina
  10. Io uso shampoo eco-bio o comunque con inci verde da 2 - 3 anni e mi trovo abbastanza bene. Non ho avuto dei cambiamenti epocali per quanto riguarda la pulizia dei capelli ma è sparito completamente il prurito alla cute e anche la forfora si è quasi estinta. A differenza di quanto dicono quasi tutte non ho avuto un periodo di assestamento nel quale mi son trovata male.

    RispondiElimina
  11. Libyan government confirmed cheap jordans that ugg soldes the H5N1 bird cheap christian louboutin flu has happened, Christian Louboutin Bois Dore has ugg boots resulted ugg in four deaths, uggs on sale but so far cheap nike jordan shoes no Ebola outbreaks occur.REID Libyan Health Minister Discount LV Handbags said in a christian louboutin shoes statement on the Bags Louis Vuitton 27th, "Domestic Air Jordan 11 Gamma Blue eastern and ugg pas cher western regions of the H5N1 bird flu occurred in the ugg australia past few days, there are four people were infected with the H5N1 virus have died, of wholesale jordan shoes which three people Cheap LV Handbags died in the Discount Louis Vuitton capital Tripoli, and one died near the Egyptian border in uggs outlet the eastern city of Tobruk. "REID also noted that "in Tobruk Medical Center, there are still a suspected H5N1 bird flu patients receiving treatment Christian Louboutin Daffodile observation discount christian louboutin .28 Tobruk day I will go to the medical center to understand the specific situation, Cheap Louis Vuitton Handbags and then to Cairo and the World Health Organization christian louboutin office in the christian louboutin remise 50% area concerned discount nike jordans Expert talks, study countermeasures.

    RispondiElimina

Back to top