venerdì 31 agosto 2012

Mini haul Catrice, Essence, Rimmel e Layla.




Vi ho prese in parola: mi dicevate di provare i Ceramic Effect e così, visto che non avevo uno smalto rosso (come è stato possibile?) ho deciso di prendere un Ceramic Effect. Rosso, appunto.
Poi ne ho preso uno Rimmel -che lo so, non sono un granché, ma tanto li cambio con una frequenza tale... e poi il pennello mi piace da morire!- sempre rosso; un correttore Essence, quello longlasting; gocce per lo smalto ed un blush in gel di Catrice, mi pare sia una limited edition.
E mi pare d'essere stata fregata, perché era l'ultimo e avevo provato il tester, così l'ho preso ma dentro ce n'è così poco che mi sembra che questo che ho io sia stato scambiato per tester.
Oh.
Uffa.

Tag time! :)

Goddessispired mi ha "nominata" in questo tag... sono sempre felice di farli, anche se non sempre ne il tempo -e vorrei, credetemi...-.

1) La follia più grande fatta per amore: davvero, non saprei... da questo punto di vista sono molto tranquilla ed equilibrata, senza contare che a 21 anni è preso per poterlo dire. Non so... per adesso presentarmi spontaneamente ad un ragazzo sconosciuto, cosa per me -timidissima- estremamente difficile. Andare da lui, con un biscotto appena sfornato in mano, e dirgli: "ciao, mi chiamo Laura. Vuoi un biscotto?".


2) Il tuo libro preferito: il mio libro preferito è I Cani e i Lupi di Irène Némirovsky, ma non è ovviamente l'unico libro che amo. C'è anche Il Signore degli Anelli (Tolkien); Suite Francese (sempre la Némirovsky); Infinite Jest (Foster Wallace); Germinal, L'Assommoir, Nana (Zola)... insomma troppa roba davvero. 

3) Le tre cose che porteresti con te su un'isola: iTouch, un libro e un altro libro. 

4) Il viaggio che prima o poi farai: spero Parigi! Oppure vorrei andare in Nuova Zelanda. Diametralmente opposto, ma è uno di quei paesi che mi incuriosiscono molto.
Pensate che mettessi una foto dei rugbisty, eh? PoVche! Cosa pensate! 

5) Il lusso che prima o poi ti concederai: dire a certe persone cosa esattamente penso di loro. I lussi materiali mi interessano poco. Certe soddisfazioni, invece, non hanno prezzo...

6) Il gioco che più ti piace: contano i drinking game? Se sì,  mi va bene un qualsiasi drinking game. 
Altrimenti è nota al mondo la mia passione per i videogiochi, soprattutto per le avventure grafiche, tipo Monkey Island -preferibilmente Monkey Island III. 


7) Il tuo rituale anti-iella: non credo in queste cose.

8) Una notizia che ha cambiato la tua vita: la mia bocciatura in I liceo.
Sì, sono stata bocciata. E sì, ha cambiato la mia vita... in meglio. Sono passata da una classe dove francamente volevo morire ogni giorno, ad una nella quale ho conosciuto quelle che adesso sono le mie migliori amiche, ed in generale mi sono trovata bene e ho finito il liceo con calma, serenità ed apprezzando ogni singolo giorno di scuola, ed anche quello che studiavo, che prima avevo visto solo come "dovere".

9) Vorresti vivere nel futuro o nel passato: passato, grazie. E senza neanche pensarci. Possibilmente nell'VII secolo, dalle parti della Neustria. 
Fredegonda, regina di Neustria, cerca di uccidere la figlia Rigunte a coperchiate.
ADORO.
10) Un super potere che ti piacerebbe: ovviamente l'invisibilità. Oppure anche il poter mangiare quello che voglia senza che la mia salute ne venisse danneggiata. 
Violet Parr, la ragazza invisibile!


Adesso, datemi della scema, non ho capito se debbo inventare io dieci domande! 

martedì 28 agosto 2012

Etude House Natural Eyelashes + mini tutorial.


Pro: il nome dice tutto: sono le ciglia finte più naturali che io abbia mai provato e neanche ci si accorge di indossarle.
Contro: la colla, come dire, non attacca. E non sono vendute in Italia ma solo su eBay.
Prezzo: circa quattro euro, spese di spedizione incluse.
Dove: eBay.

Ecco, questo è un prodotto che mi mette un po' tristezza, per diversi motivi. Il primo è che non è venduto in Italia, ed è essendo proprio belle, è un peccato.
Il secondo è che mi fa vedere come sarebbero potute essere se le mie ciglia se fossi nata con le ciglia lunghe&belle (la stessa sensazione che mi da il Lingerie de Peau, diciamo).

Insomma, sono davvero naturalissime. Questo grazie al design con i "ciuffetti" non troppo ravvicinati tra di loro, e di una lunghezza umana e non clownesca.
Mi è anche piaciuto come fossero praticamente già perfette per i miei occhi, ho dovuto tagliarne solo una minima parte.

L'applicazione di queste ciglia Etude House risulta facilissima perché non sono rigide e si adattano bene alla forma dell'occhio. Inoltre si confondono bene con le mie ciglia.

L'applicazione così gradevole è stata solo rovinata dalla colla, che "stacca" dopo poche ore. Ho avuto cura di portarla con me in borsa, ma la prossima volta che le indosserò, userò un'altra colla, la DUO, molto famosa e molto valida, a mio avviso.
La cosa che ho maggiormente apprezzato è stata la linea, completamente trasparente. Questo significa non solo -ma soprattutto- naturalezza, ma anche confort.
Insomma, per me sono la versione a nastro di quelle in ciuffetti, e ve le consiglio caldamente :D

Per vedere i risultati sui miei occhi, vi rimando al tutorial dopo il salto!

lunedì 27 agosto 2012

Piccoli acquisti (e regali).

Buongiorno mie care!
No, non sono sparita. Sono viva, ritornata -poco- sui libri (di letteratura, per l'esattezza... ed io che dicevo "no ma il Decameron è divertente eh") e la cosa mi ha un po' traumatizzata... riprendere il ritmo è sempre difficile. Ma non appena lo avrò ripreso per bene, tornerò a postare con una certa regolarità.
Per il momento vi faccio vedere qualche acquisto fatta da Neve Cosmetics: uno dei nuovi fondotinta ad alta coprenza, nel colore Light Rose che avevo già provato ed apprezzato alcuni mesi fa, un pennello Deerbuki e mi è stata mandata in omaggio una cialda fuxia che sinceramente non so se sia per occhi o guance, ma sono più che curiosa.


Poi mia madre mi ha regalato un set da bagno di Laline, un negozio che ha appena aperto in via Ugo Bassi e che avevo intenzione di sondare al più presto. Tutto si può dire di mia madre, tranne che non mi conosca! :D

Presto arriveranno le review!

Baci,

Laura.

giovedì 23 agosto 2012

Kiko Scrub & Peel salviette esfolianti.

Pro: grattano. Accidenti, come grattano! E hanno uno dei profumi più addictive che io abbia mai sentito...
Contro: sono un po' dubbiosa sulla reale efficacia, in realtà. Poi se avete la pelle delicata grattano fin troppo!
Prezzo: 5,90 per venti salviette.
Dove: store Kiko oppure online qui.

Disclaimer: la foto l'ho scattata con instagram sperando che i pretenziosi filtri hipster nascondessero il fatto che la confezione è stata molto maltrattata. Ovviamente non ci sono riuscita.


Queste le ho comprate secoli fa. Lo stesso giorno in cui compravo qualcosa per il giveaway -a proposito: arrivata a 500 ne apro un altro. Il mio compleanno non è neanche lontanissimo... me lo fate come regalo? :D-, sicché sono passati secoli.

Ve lo dico subito: per me uno scrub tradizionale, liquido, da utilizzare bagnato, resterà sempre impagabile, in quanto ad efficacia e "comfort". Però se siamo in viaggio e non vogliamo portarci dietro i bottigliazzi, questo pacchetto di salviettine è parecchio utile.

Sapete che di solito mi dilungo poco sul packaging, ma qui debbo fare un'ode a chi ha progettato l'apertura. GeGno. Perché il pacchetto si chiude bene e anche a un paio di mesi dall'acquisto le mie salviette sono ancora imbevute ed utilizzabili.
Sono appunto molto imbevute, non secche, con micro granuli in rilievo che come dicevo grattano, ma tanto. Anzi, fate attenzione: io le prime volte ci sono andata troppo spavalda, ritrovandovi la faccia ridotta ad un simil-peperone! Un vantaggio però è che l'azione può essere più "mirata": mentre con lo scrub tradizionale si fa un po' fatica ad evitare le zone sensibili, qui invece possiamo dirigere la nostra salvietta dove vogliamo.
Una cosa che ho particolarmente apprezzato è che i micro granuli rimuovono le tracce di trucco molto efficacemente, e vi stupireste di quante ne ho trovate quando pensavo di essermi struccata per bene :(
Dopo aver utilizzato la salvietta, si sciacqua il viso e il risultato è una pelle molto liscia e morbida.
Menzione d'onore al profumo. Mentre scrivo ho una salvietta ormai secca di fianco e me la sniffo.
Ok, ho un problema.

Comunque, detta così sembrano fantastiche, ed è proprio così: sembrano.
Ad esempio, se avete qualche punto nero, vi resterà perché la pulizia è molto superficiale. Secondo me -ma potrebbe essere la sciocchezza più grande del mondo- è perché è una pulizia "a secco": d'accordo che il viso prima va inumidito, però, ad esempio, non mi da quella bella sensazione di pelle che respira che ho con, diciamo, questo (che a proposito debbo ricomprare!). Insomma, credo che si senta la mancanza dell'ausilio del calore!
Poi, se avete una di quelle pelli delicate e irritabili, non è il prodotto che fa per voi... io le uso adesso che ci sono quaranta gradi e un'umidità del 66% (bella Bologna, eh?), ma in inverno credo che non mi sarebbe possibile fare altrettanto. E anche adesso, come vi ho detto, se insisto troppo la pelle mi diventa tutta rossa >-<
Non mi dispiace usarle, affatto, ma non le ricomprerò, ecco tutto. Voi le conoscete, o avete intenzione di acquistarle?

P.S.: nonostante il pretenziosissimo filtro Earlybird, si vede che la confezione è ROSA! E metallizzata! Millemila punti in più! Età mentale tre anni!

P.P.S.: qualcuna ha provato le maschere, di Kiko? Come sono? Sto per recensirvene una Mudd. che è la fine del mondo.

lunedì 20 agosto 2012

Peeling detergente e Gel detergente delicato Cien

Pro: puliscono senza aggredire la pelle e credo che le amanti dell'INCI abbastanza pulito li gradiranno.
Contro: non mi hanno esaltata particolarmente. Sono senza infamia e senza lode.
Prezzo: circa 1,90 euro l'uno.
Dove: Lidl.

Apatia: a-pathos, letteralmente "senza emozione") è una riduzione dei comportamenti finalizzati, dovuta a mancanza di motivazione.
Ecco, più o meno quello che mi sta succedendo. A parte starmene sdraiata a fissare il soffitto e giocare a Sims Medieval, non ho voglia di fare molto altro.
Ma mi sento in colpa per il blog un po' abbandonato, così ri-eccomi.
E prometto solennemente, su Colin, che lo riprenderò in mano con amore e dedizione.

martedì 14 agosto 2012

Urban Decay Pocket Rocket Lip Gloss in "Colin"

Pro: un gloss dal colore divino, dal profumo goloso e con un fanciullo desnudo sul tappo.
Contro: nessuno. Forse a qualcuna potrebbe non piacere il profumo, ma io lo amo.
Prezzo: ufficialmente 17 euro. Altrimenti 9,40 :D
Dove: se vicino casa avete Sephora, e se questa Sephora tiene Urban Decay, lì. Altrimenti internet.

Colin è un ragazzo dal cuore d'oro.
Fa il pompiere ed ama i cuccioli di dalmata: infatti ne ha appena salvato uno e lo stringe tra le braccia.
Colin non è solo un bravo ragazzo: ha anche un sixpack da rimanerci secche. Ma io sono una ragazza a modo, motivo per cui NON ho passato tutto il giorno a giocherellare con il lucidalabbra per vedere Colin spogliarsi e vestirsi magicamente.

sabato 11 agosto 2012

Tony Moly Petite Bunny Gloss Bar

Pro: no, dico, vedete cos'è? Ma lo vedete?
Contro: tranne la reperibilità scarsa, direi nessuno!
Prezzo: circa cinque euro, senza spese di spedizione!
Dove: eBay.

Se avete mai letto la pagina su di me, o anche solo la colonnina di destra, sapete che ho la verde età di 21 anni. Quasi 22, in realtà. Questo non mi impedisce di trasformarmi in un essere squittente ed isterico davanti a tutto ciò che è rosa e carino e sì, lo ammetto: mi piace anche Hello Kitty
Insomma per me il packaging grazioso, e rosa, regala ad un prodotto mille punti in più. Se poi il prodotto è anche discreto, come in questo caso, maledico il fatto di non avere un negozio Tony Moly vicino casa.

Come mia abitudine, non mi dilungherò sul packaging perché lo potete vedere da voi.
Il profumo si sente non appena si toglie il cappuccio. E' di fragola, molto intenso. A me piace parecchio anche se per alcune potrebbe essere troppo sintetico sintetico. Si sente anche dopo qualche tempo che si
ha sulle labbra, dura davvero a lungo!
flash

flash
Sulle labbra è incredibilmente morbido, e scivola bene, dando una sensazione di immediato sollievo alla labbra secche -che ci crediate o no, le ho secche anche d'estate :( -.
luce naturale
Il colore, seppur tenue, è molto modulabile: con una passata è quasi invisibile, insistendo appena di più si ottiene un bel rosa, leggero e naturalissimo. Non è molto lucido, ma mi piace anche questo; come dicevo mi da una sensazione di essere più naturale sulle labbra.
La durata purtroppo è scarsa, diciamo un'oretta. Non è molto, lo so, ma le labbra rimangono molto morbide ed idratate. Anche se porta l'etichetta di "lipgloss", a me sembra più un lipbalm: la texture è quella dei lipbal, morbida e non appiccicosa, non è molto lucido... insomma, per me è un lipbalm, ecco.
E' uno dei pochi lip balm (lo è), tra l'altro, con cui non serve usare dita o pennellino per l'applicazione perché il prodotto esce girando la base dello stick, come in alcune matite occhi o come nei Chubby Stick di Clinique (ne voglio uno ç___ç qualcuna li ha provati? Valgono la spesa?).
luce naturale
Ci sono sei tonalità, alcune molto simili tra loro, abbinate a sei profumazioni diverse e a sei diverse espressioni dei coniglietti sul cappuccio.
Voglio il coniglietto svogliato alla ciliegia.

mercoledì 8 agosto 2012

Layla Bijou Smalto per unghie


Pro: è un bel rosso vivo, che si asciuga in pochissimi minuti.
Contro: texture collosa, grumi, stesura difficoltosa.
Prezzo: 2,50 euro.
Dove: Limoni, Coin.

Come beauty blogger ho le mie mancanze.
Non ho il blush Orgasm, ad esempio. E non ho mai provato Lavera.
E fino a qualche settimana fa non avevo mai provato Layla. Posso ritornare a qualche settimana fa, per cortesia?

L'orrore inizia appena aperta la boccetta.
E' uno smalto denso, colloso, che tende a formare grumi, ad appiccicarsi ed essere gommoso; insomma stenderlo è parecchio difficile, anche a causa del pennello minuscolo. 
Si asciuga in fretta, però, e questa debbo dire è l'unica nota positiva dell'intera storia. Sia la prima passata che la seconda si asciugano completamente in pochi secondi.

Il colore è molto bello. Un rosso vivo, più scuro di quello a cui io sono solitamente abituata, ma piuttosto lucido e vibrante. Insomma, mi ero -quasi- dimenticata lo schifo della stesura, perché per un bel colore posso passare davanti a praticamente tutto.
Smalto asciuttissimo, dicevo. Adesso, non è che io in casa mi dia ad attività pesanti o, per dire, non sono quella che lava i piatti con lo smalto steso di fresco (e mia madre lo sa bene, lol). Quindi non ho idea di come si possa essere scheggiato. Cosa posso aver fatto? Ho preso un bicchiere di coca, magari ho ricamato un po' guardando un film al pc… anche perché in quindici minuti non è che si possa far molto. Ma lo smalto aveva iniziato a scheggiarsi. E ha continuato il giorno dopo. 
Non scheggiature grandi, ma quelle piccoline, a bordo unghia, quelle che mi urtano da matti.
Quindi, la durata senza top coat non è soddisfacente, affatto. Ho messo il top coat classico Essence, il mio preferito, e così si raggiungono i tre giorni, il che non è male.
Però non promuovo questo smalto. Fosse stato fluido ma con una durata scarsa, avrei anche potuto promuoverlo. Ma scarso e con una texture davvero schifosa… no, grazie.
L'ho comprato unicamente per il prezzo ridicolo di 2,50 euro e perché la boccetta, piccina, entrava benissimo nel mio beauty da week end fuori casa. 

Voi avete avuto esperienze più soddisfacenti con Layla, marca molto famosa? Io direi che la mia può anche fermarsi qui...

(.La foto è fatta con due mani di smalto ed una di top coat).

lunedì 6 agosto 2012

Totally random #14

Mi sono giocata tutto luglio tra medicine, antibiotici e febbre alta; una bellezza, davvero. Conseguentemente, ho passato un sacco di tempo a casa (-.-) a fare... beh, ecco cosa ho fatto.

domenica 5 agosto 2012

Essence Lip gloss trio

Pro: tutti quelli che vi vengono in mente. Tre deliziosi lipgloss in una scatolina graziosa, a poco prezzo.
Contro: nessuno.  
Prezzo: tre euro.
Dove: Coin, OVS.

Un giorno conterò tutti i rossetti / balsami labbra / lipgloss in mio possesso. Ma non è questo, quel giorno. Pensate: stavolta ne ho presi tre al prezzo di uno.

Ho inserito questi lipgloss nel giveaway appena terminato, naturalmente dopo averli provati perché non metterei mai prodotti che non mi sono piaciuti. E quanto mi sono piaciuti, questi!
La verità, innanzitutto. Sono tre colori diversi ma comunque classificabili come nudi e naturali. Il mio preferito è quello più scuro, quello proprio color carne. Intendiamoci: sono colori molto graziosi ma affatto particolari. Si trovano ovunque, non sono nulla di eccezionale.

La texture, debbo ammetterlo è un poco appiccicosa ma in compenso la durata è davvero buona: su di me hanno retto tre ore buone -strano, un gloss di Essence che provai secoli fa e mai recensito durava, diciamo, cinque minuti.
Una cosa che mi ha molto sorpresa è che non secca affatto. Anche quando svanisce le labbra rimangono piuttosto morbide, insomma da usare è piacevole.
Naturalmente il prodotto tende a depositarsi un po' agli angoli della bocca, ma non è nulla di drammatico... capita con ogni gloss!
Li consiglierei soprattutto a chi sta per partire e vuole avere tre lucidalabbra in pochissimi centimetri, senza occupare spazio inutile nel beauty case.

Spero che a Lara siano piaciuti altrettanto :)

mercoledì 1 agosto 2012

Piccoli acquisti.

Sono una ragazza abitudinaria. Compro sempre le stesse ballerine: marca Anniel, di raso nero, n.39. Neanche le provo più, ormai. Poi certo, ne ho anche altre -usando solo ballerine... beh, ne ho tante :D- ma queste sono quelle che non mancano mai. 
Per quelle glitterate... non so che dirvi. Nello stesso negozio di quelle nere -Rossi, via Indipendenza, a Bologna- circa quattro anni fa ne comprai di glitterate rosa confetto perché... perché erano rosa, ecco perché. Non le ho usate fino a questa primavera; mi piaceva tenerle nella scatola. Poi un giorno le ho messe e non me ne sono più staccata! Quando ho dovuto buttarle quasi piangevo, e ho dovuto riparare con queste. Quanto sono trash? ^W^

Back to top