lunedì 27 febbraio 2012

Correttore Boi-ing, Benefit

Pro: unisce una coprenza altissima ad una durata impeccabile.
Contro: ma tutto ciò è anche unito ad un prezzo poco simpatico.
Prezzo: circa 22 euro.
Dove: Sephora.

 Ho riesumato questo correttore dopo circa due mesi che non lo trovato -stessa fine del Benetint lip balm. Ma ti ritroverò, altroché!- e devo dire che non mi è troppo mancato. Non perché sia un cattivo correttore, anzi, semplicemente perché non fa per me. E' di quelli che, appunto, uso quando trovo ma non tengo regolarmente nella pochette del trucco.

sabato 25 febbraio 2012

Come NON fare una nail art...

Evabbè, Laura. C'hai provato. Così impari a discostarti troppo dallo smalto rosso! Appena ho visto questa nail art sul blog di Miss Cecily, mi sono detta che dovevo provare, sopratutto perché mi sembrava semplice ma carina e d'effetto.
E indovinate? Non ci sono riuscita ma, da brava girl scout quale io sono, ho documentato il mezzo disastro per vedere dove ho sbagliato.

Ho usato uno smalto Kiko color carne coi brillantini, uno dei miei nude favoriti, e poi il Samoan Sand di OPI. E ovviamente le gocce Essence per velocizzare il tutto, alcool e un trafiletto su Klimt preso da La Repubblica.

Ho steso lo smalto color carne, ricordandomi il motivo per cui anche se è molto carino non lo uso mai: anche con le goccine Essence ci mette i secoli ad asciugarsi. Cattivo presagio? Probabile.
Il procedimento poi è piuttosto semplice: si bagna leggermente l'unghia -con lo smalto perfettamente asciutto- nell'alcool (o anche disinfettante, ho letto in giro) e poi si preme il foglio di giornale per qualche secondo. Si solleva molto delicatamente e le lettere rimangono impresse.

Fin qua ci sono. Ma mentre staccavo i fogli di giornale ho notato che lo smalto sotto veniva via. Questo è naturalmente dettato dalla mia cialtronaggine dal fatto che magari facevo meglio ad aspettare qualche minuto in più prima di usare i fogli di giornale.
Poi, passo subito il Samoan Sand, che usando da solo è molto carino ma qui ha coperto, diciamo, un buon 90% delle parole. Inoltre se ne è portato via alcune.

In definitiva: ci riprovo, anche perché quando si tratta di cose sostanzialmente inutili io DEVO riuscirci, è una questione d'orgoglio. Però, alcune note:
1) tra lo smalto base e le parole metterò uno strato di top coat.
2) non avrò fretta. 

P.S.: questa non è un tutorial. E' un non-tutorial, ossia "cosa non fare per far venire bene una nail art". Una cosa del tipo "non fatelo a casa".

venerdì 24 febbraio 2012

Risultato giveaway :)

Scusatemi il ritardo! Se devo essere sincera, mi sono semplicemente svegliata tardi! XD
Innanzitutto, vorrei ringraziarvi! Non mi aspettavo questa partecipazione, sono sincera, e per me è stato davvero un onore.

La vincitrice è Miss Cecily, commento 56 :D Mandami una mail (sugarpinkbeauty@gmail.com) col tuo indirizzo, cara! ^^
Grazie a tutte per aver partecipato! Ci vediamo al prossimo!
Laura. 

mercoledì 22 febbraio 2012

Fondotinta Soft&Natural, Essence

Pro: è un fondotinta naturalissimo e confortevole; inoltre costa davvero poco.
Contro: solo tre tonalità disponibili; però si adattano molto bene all'incarnato.
Prezzo: meno di cinque euro.
Dove: Coin, OVS.

Davvero non avevo ancora recensito questo fondotinta? Non riesco a crederci! Ce l'ho da, tipo, sei mesi e lo trovo decisamente adatto per l'inverno; in realtà lo trovo decisamente adatto in generale.
Mi ci sono imbattuta per puro caso: ero fuori casa, avevo dimenticato la pochette ed avevo bisogno di ritoccare il trucco. Possibilmente con qualcosa di pratico ed economico e, guarda caso, il mio dipartimento è di fianco a Coin :)

lunedì 20 febbraio 2012

Lotion Douceur Chanel

Pro: oh, ehm, fa un buon profumo ed è rosa.
Contro: oltre al fatto che costa la proverbiale ira di Dio, brucia e irrita.
Prezzo: 34 euro per 200 ml.
Dove: profumeria.

Ci ho pensato a lungo se fare questa review o meno, principalmente perché si tratta di un prodotto che ho usato oltre un anno fa e che ho buttato -da qui la mancanza di foto. Poi ho pensato che è un prodotto di un certo prezzo di cui peraltro non ho trovato pareri in giro... e insomma, magari a qualcuna interessa.
Tra l'altro dovevo trovar una scusa per tirare in ballo l'argomento del "che caspio ci infilano nei campioncini?" E' una cosa che fa sempre uscire la mia vena polemica. Mi spiego: provai questo tonico in un campioncino e... paradiso! Pelle liscia, luminosissima, morbida... un sogno. Da brava pecorella quale io sono, compro la full size pensando che quei 34 euro li valga tutti.
All'inizio, vi dirò, non era neppure tanto malaccio. Certo, mi formava una strana pellicola sul viso e tirava un po', ma visto che è per pelli miste non mi sono preoccupata più di tanto.
A lungo andare, invece, ha iniziato a bruciare proprio. E la pelle rimaneva unticcia. Ma un bruciore proprio insopportabile, e alla fine il viso era tutto arrossato. Un affarone, insomma.
Non so, magari ho sbagliato tonico e quelli di Chanel non sono tutti da buttare, ma questo di sicuro sì. Lo conoscete? Avete avuto esperienze positive?

Ah, questo è l'INCI. Pessimo anche questo, ça va sans dire.
AquaAlpha-Glucan OligosaccharideSodium HyaluronateSodium PcaUreaPropylene GlycolPeg-40Disodium PhosphatePpg-26-Buteth-26PhenoxyethanolCitric AcidMethylparabenButylparabenEthylparaben,IsobutylparabenPropylparabenParfum, Ci 17200, Ci 19140

P.S.: mi si perdoni la mancanza di foto ma, come dicevo, l'ho proprio cestinato!

venerdì 17 febbraio 2012

Purificare la pelle, giocare e vincere? Sì, grazie! Con Eucerin DermoPURIFYER ed Eucerin 4YOU!

Sia io che la mia pelle possiamo essere descritte con una sola parola: irrequieta. Delle mie irrequietezze sapete (quasi) tutto, ed anche della mia pelle: un momento è mista, poi è secca, oppure sensibile… al momento è mista/sensibile. Il che è traducibile con: grosso problema. Perché non oso sperimentare nessun trattamento per paura che reagisca male e peggiori.
Eucerin ha creato la linea DermoPURIFYER per pelli impure. Non solo: ha distinto tra quattro livelli di impurità e combinato i diversi prodotti della linea a seconda delle nostre personali necessità. Per scoprire il nostro "livello" basta osservare le tabelle! Io mi sono identificata in un primo livello (fiuuuu…!), ma anche qualcosa di meno, suvvia. Ma che ve lo dico a fare, ormai conoscete la mia pelle meglio di me :D
 La primissima cosa che ho notato dopo aver usato il detergente è che lascia la pelle molto morbida. Ogni detergente che uso mi tira la pelle, in alcuni casi, addirittura, la secca e la squama. Ecco: questo no. Nonostante strucchi bene, non è aggressivo e si sente che è totalmente privo di alcool. Non è molto schiumogeno, ma ci passo sopra volentieri in questo caso!
La mia prima reazione alla crema idratante è stata di pura perplessità: si presenta come una contraddizione unica. Ha una consistenza fluida ma è molto ricca. Quando la stendo sento una sensazione di calore, ma subito dopo rinfresca… inoltre si assorbe immediatamente, quasi mentre la si stende. Tra l'altro, al mattino, la mia pelle era perfetta: spesso capita, con quasi tutte le creme, che al mattino si senta una sorta di "pellicola" sul viso -scommetto che avete capito cosa intendo. Ecco, con questa per la prima volta non è accaduto. L'ho usata la sera dopo la detersione e la mattina come base sotto il trucco e la mia pelle, semplicemente, la ama. Nessuna reazione, nessun poro dilatato. Anzi, la mia pelle ha un aspetto proprio sano: è più morbida e luminosa, con la grana affinata. Raramente mi è capitato di essere tanto entusiasta di un prodotto per il viso! Lo consiglio specialmente alle pelli ipersensibili, come la mia: è una crema estremamente delicata ed in mattinate fredde come questa, è l'ideale. E' stata apprezzata anche da mia madre la cui pelle, nonostante sia decisamente più matura della mia, è mista al 100%: ha provato per caso la crema e se ne è innamorata.

Il correttore mi ha invece lasciata un po' tiepida, sul versante "azione calmante". L'ho usato su un paio di brufoletti e non ha fatto altro se non nasconderli alla perfezione. Però come "semplice" correttore mi è piaciuto molto perché è naturalissimo, non crea nessun effetto maschera e si sfuma molto bene. L'ho usato sui rossori e sulle discromie. La durata è molto buona e non si altera nel corso della giornata: molti correttori scuriscono o ossidano, questo invece rimane perfetto. Il packaging inoltre è l'ideale per i ritocchi al volo fuori casa.
 
Una cosa comune a tutti i prodotti è che sono totalmente privi di profumo. Forse non stupirà chi è avvezzo ad usare prodotti di farmacia, ma io all'inizio sono rimasta perplessa. Non è una cosa sgradevole, anzi, ma io semplicemente non ero abituata.
Oltre a questi prodotti, nella linea sono presenti scrub e tonico. Superfluo dire che saranno miei, vero?
Inoltre, scaricando dal market Android la Face App si potranno vincere premi come biglietti per concerti, gift card del valore di 500 euro, console per videogiochi, viaggi e molto altro! Non hai Android? Nessun problema: acquistando in farmacia i prodotti della linea DermoPURIFYER, a partire da febbraio si potrà partecipare al concorso Eucerin 4YOU. Ogni mese verranno messi in palio quattro smartphone Samsung Galaxy!
Giocare e vincere con la Face App è semplicissimo: basta compiere una delle quattro azioni nella schermata My Face: 

  • -I love check in

  • -Obiettivo scontrino

  • -Caccia al codice

  • -Acchiappa l'amico.
In particolare, Obiettivo Scontrino è quello che ti permette di guadagnare più punti. Come? Semplicemente fotografando lo scontrino di uno o più prodottiEucerin DermoPURIFYER. Facendo attenzione che siano visibili dettagli come ora, data e numero dello scontrino ed importo, si invia la foto direttamente tramite l'app. Più check in farete, più possibilità avrete di vincere! 


eucerin














Articolo sponsorizzato

giovedì 16 febbraio 2012

"E mo' basta...!" di distribuzione ed altre piacevolezze.

Have you seen this blush...?
Prima di proseguire nella lettura di questo blog: vi debbo avvertire che non ha senso logico né filo conduttore.
La mia domanda è semplice: perché in Italia viene distribuito, se va bene, un terzo della produzione delle case cosmetiche? Voglio dire, dove viviamo? Vivessimo, che so, tra le popolazioni indigene nella foresta pluviale, potrei anche capire (e probabilmente se così fosse non starei scrivendo su un computer portatile, ma questa è un'altra storia). No. Viviamo in Italia, paese che si suppone debba essere "moderno", qualsiasi cosa significhi. Nessuno ha ormai problemi con l'e-commerce, per dirne una. Persino Asos.com ci ha concesso le spese di spedizione gratis e Topshop idem, se spendiamo più di una data cifra.
E allora, perché caspio non abbiamo diritto ad avere tutti i prodotti di certe linee cosmetiche? Maybelline è il caso più eclatante ed è, per me, la famosa "goccia". 
Il blush Dream Bouncy, i lip balm Baby Lips, il correttore Dream Lumi... ma dove sono? E non ditemi che è questione di tempo, perché circa un anno fa mi interrogavo su una linea di fondotinta e blush e, guarda guarda, da noi neanche l'ombra.

Poi, una cosa ancora più grave a mio avviso: la questione delle tonalità. Questo riguarda soprattutto i fondotinta ed il fatto che a quanto pare le case produttrici o gli strani meccanismi della distribuzione sono convinti che qui in Italia le donne siano tutte abbronzate a sottotono giallo. Io, con la pelle bianca e un sottotono rosato/neutro, chiaramente mi debbo arrangiare. Non avete idea di quante volte io abbia sbavato e swatchato sulla mano dei fondi come il Photoready di Revlon o il Mat' Morphose di L'Oréal, ben sapendo che per una come me anche la tonalità più chiara è comunque scura. Ma se andiamo a vedere i siti statunitensi, le colorazioni chiare esistono eccome...! E allora? 
Non parliamo poi dei prezzi. Io qui sto parlando delle cosiddette marche "drugstore". Un rossetto Revlon costerà, diciamo, otto dollari. E come mai diventano circa quindici euro? Ma stiamo scherzando? Come posso sperare di fare la beauty blogger "seria" se 1) non ho a disposizione l'intera linea e 2) qualora l'avessi a disposizione, cosa un terzo in più?

Naturalmente, come dicevo all'inizio, nessuna di noi ha problemi con l'e-commerce e magari riusciamo a procurarci qualcosa via internet, ma mi sembrano cose sinceramente da pazzi.
Voi che ne pensate di tutto questo? Io sono semplicemente basita. 



(Naturalmente, correggetemi se sbaglio. Se avete visto qualcuno dei prodotti nominati, sentitevi libere di contraddirmi!).

mercoledì 15 febbraio 2012

Essence Mono Eyeshadow #20 Big Bang

Pro: un bel rosa metallizzato, molto modulabile.
Contro: l'unico che mi viene in mente è la durata.
Prezzo: circa due euro.
Dove: Coin, OVS.

Forse ce la facciamo ad uscire da questo inverno... e per affrettare le cose, io mi sto sbizzarrendo con colori meno "grigi" del mio solito. Questo ombretto, inviatomi da Lucia e facente parte di un giveaway, mi sta dando una mano ad accendere queste tristi mattinate (non solo per il freddo, ma sono anche ricominciate le lezioni... insomma, devo proprio tirarmi su in qualche modo).

Se mi seguite, sapete che per il make up uso sempre gli stessi colori. Ma questo non significa che io non sbavi quando vedo un rosa accesso! Ma sono una donna paurosa, sicché alla fine ripiego sempre sul miei taupe o grigi. Quindi quando mi è arrivato questo ombretto l'ho preso come segno del destino e, facendo mille pasticci, ho iniziato ad usarlo. Prima l'ho usato da solo ma è risultato un po' troppo acceso per i miei gusti. Poi l'ho mischiato ad altri ombretti, grigi o dorati. Bello, ma un po' troppo... bizzarro? Poi, intuizione, l'ho messo sopra a quello che è diventato ormai il mio passepartout, ossia l'ombretto/base in crema di Essence, lo Stay All Day. E l'effetto sopra quello mi è proprio piaciuto: si è "fuso" con la base dorata ed è anche durato più a lungo.
Ecco, a durata: da solo, purtroppo, non dura molto a lungo ed ora come ora non ho basi per occhi (ma come è possibile) se non appunto ombretti in crema che fungono anche da basi. Con sotto un ombretto in crema mi dura circa cinque ore.
Però la scrivenza mi ha molto sopresa: non avevo mai utilizzato ombretti mono Essence e avevo sentito dire che di alcuni la scrivenza non è il massimo... personalmente non ho avuto questo problema.
Insomma, sono uscita dalla mia "zona di sicurezza" dei grigi/marroni/pesca e mi è andata bene. Adesso vorrei sperimentare, sempre con questo ombretto, un look visto da una blogger -proprio non ricordo chi! Perdono!- dove viene utilizzato un ombretto simile per mettere un solo "accento" al centro della palpebra superiore. Mi piacciono questi look, ma io non oso mai.


P.S.: grazie mille a tutte per i vostri bei commenti sulla nuova grafica! Devo ammettere che ne vado orgogliosa persino io, il che è tutto dire.

P.P.S.: in questi giorni, lo avrete notato, sono meno presente. La colpa è di Carlo V: sua e di Karl Brandi che ne scrive biografie da circa 650 pagine. Insomma, c'ho gli esami, ecco.

domenica 12 febbraio 2012

Comunicazione di servizio...

Nonostante nel cortile di casa ci siano, diciamo, novanta centimetri di neve, tra poco più di un mese sarà primavera e per la nuova grafica è proprio a quella che mi sono ispirata :D tra l'altro come palette di colori mi sono ispirata a quelle degli ombretti che Dior ha proposto per questa primavera.
Devo ancora sistemare un paio di cose (le tags, le tags...! Sto impazzendo) ma insomma, direi che ci siamo. 
Vi garba? La odiate?

sabato 11 febbraio 2012

Garnier Pure A Daily Treatment Moisturizer

Pro: idrata abbastanza, restringe gli orribili pori dilatati e costa poco. Alla mia pelle piace molto! Inoltre ha una texture fresca e piacevole.
Contro: nessuno in particolare. Magari l'INCI non sarà perfetto, ecco.
Prezzo: circa 10 euro per 40 ml.
Dove: grande distribuzione.

Buongiorno ragazze! Oggi cercherò di mascherare il mio pessimo umore (dato dal fatto che non posso andare a lezione) con una crema che mi piace tanto. Sapete che ho un problema con le creme idranti: ne avrei un bisogno assurdo, ma se le metto per più di un giorno di seguito mi ritrovo con la pelle un po' chiazzata ed i pori dilatati. Sicché in questa stagione mi arrangio come meglio posso: BB Cream Garnier nelle zone secche durante il giorno, un tonico di sera... ma sento sempre la pelle tirare.
Questa è invece una di quelle creme mi hanno sempre, per così dire, "salvata" nei momenti di crisi. Ha una texture leggerissima ed incredibilmente fresca (spero di capisca dalla foto! :D), che si assorbe subito: questo la rende ideale anche da usare come base per il trucco al mattino.
Non idrata moltissimo ma la trovo abbastanza buona per la mia pelle soprattutto perché essendo appunto così leggera, non unge e non dilata i pori, anzi. La uso soprattutto dove ho un paio di pori dilatati ed in un paio di applicazioni la situazione è risolta. 
E' formulata per pelle miste ed io ho una pelle mista/sensibile. In generale la linea Pure A mi piace moltissimo perché fa quello che promette, in termine di luminosità e grana della pelle. In giro per il web ne leggo reviews soprattutto da blogger straniere che dicono che per le pelli con brufoletti o seriamente grasse, è davvero buona. 
Intendiamoci: non ho ancora trovato una crema "perfetta" perché anche questa, dopo qualche giorno di applicazione costante, tende a chiazzarmi un po' la pelle. Ma diciamo che è tra quelle che la mia pellaccia tollera maggiormente :D

INCI:
Aqua/Water, Cyclohexasiloxane, Glycerin, Alcohol Denat, Nylon-66, Hydrogenated Polyisobutene, Ammonium Polyacryloyldimethyl Taurate, Salicylic Acid, Zinc PCA, Cucumis Sativus/Cucumber fruit extract, Aloe Barbadensis/Aloe Barbadensis leaf juice, Hamamelis Virginana/Witch Hazel Extract, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate crosspolymer, Cetyl Alchol, Ci42090/Blue1 , Dimethicone, Disodium EDTA, EthylHexyl Methoxycinnamate, Glyceryl Stearate, Hexylene Glycol, PEG-100 Stearate, Propylene Glycol, Triethanolamine, Methylparaben, Phenoxyethanol, Propylparaben, Parfum/Fragrance, Benzyl Salicylate, Citral, Hexyl Cinnamal, Limonene Linalool ( F.I.L B 9871/1)
Come ultima considerazione, vorrei spendere qualche parola in favore dei prodotti skincare di Garnier: come INCI non saranno il massimo ma li trovo molto buoni e onesti. Credo di avervi già parlato dei diversi scrub Garnier e trovo che in generale come brand sia accessibilissimo e faccia molto di più di altri marchi più costosi. 

giovedì 9 febbraio 2012

Totally random #8


"Perché mi parlate di sposo, carissima madre?
Senza amore di uomo voglio vivere sempre.
Bella voglio restare fino alla mia morte,
perché dell'amore d'un uomo non possa avere a soffrire."
"[...] In molte donne s'è visto assai spesso
che amore alla fine con dolore si paga.
Voglio sfuggirli entrambi, e non provare la sventura."

martedì 7 febbraio 2012

Essence Stay All Day Long Lasting Eyeshadow in #2 Glammy Goes To...


Pro: durano a lungo, sono pigmentati e modulabili. Costano anche pochissimo, tra l'altro.
Contro: nessuno in particolare, anche se sono tra quei prodotti Essence che durano poco sullo scaffale.
Abbiate sempre cura di acquistare una scatola con la scritta "New" integra, tra l'altro: sono spesso soggetti ad atti vandalici.
Prezzo: meno di quattro euro.
Dove: Coin, OVS.
Altro: questo ombretto è presente nel giveaway in corso. In caso non riuscite a trovarlo in negozio... ;)

Ci sono sempre un paio di prodotti di cui cerco di dupes: guarda caso, sono al 90% prodotti Benefit. Trovato il dupe delCORALista, ho deciso di andare alla ricerca dei Creaseless Cream Shadow.
Operazione riuscita? Direi proprio di sì!

Sapete che ho una predilezione particolare per gli ombretti in crema. Mi piacciono per la versatilità: si usano spesso e volentieri come basi, infatti; ed anche per la modulabilità. Questi Stay All Day non hanno smentito le mie aspettative!
Sono molto più cremosi di quelli Benefit, il che è un bene: si lavorano meglio e non sono così rapidi nel fissarsi, per cui li consiglio caldamente anche a chi non è pratico degli ombretti in crema. 
Il fatto che non si fissino rapidamente, però, non significa che durino poco. Mantengono infatti la promessa di durate tutto il giorno; e, ancora più importante, questo avviene senza "decomporsi" sulla palpebra e scivolare via.

L'ho utilizzato sia da solo che come base sotto altri ombretti. In particolare sotto quello che al momento è il mio ombretto preferito, quello Kiko. Come base mi piace forse ancor di più che utilizzato solo, perché aiuta anche gli ombretti più deludenti a dare il massimo, a farli durare di più, a donare loro quel "qualcosa" in più. Insomma, di questi ombretti in crema sono proprio innamorata :)
Un unico appunto: i colori. Mi piacerebbe qualcosa di più discreto e delicato, meno brillantinato. Uno champagne ed un avorio, magari…?

L'INCI (io non ci bado, voi?) ce lo fornisce Essence:
click per ingrandire.

sabato 4 febbraio 2012

H&M Lip Butter in Blueberry Blues

Pro: profuma, ripara e protegge le labbra. Ho già detto che costa pochissimo...?
Contro: l'unico che mi sovviene è che non tutti gli H&M sono dotati di un buon reparto cosmesi. A Bologna in via Indipendenza
Prezzo: circa quattro euro per 9 gr.
Dove: H&M.

Come mai così tante foto per un semplice lip balm?, mi si dirà. Rispondo io: perché è carinissimo, ecco perché.
E' una delle cose incluse nel giveaway appena iniziato: l'ho comprato la settimana scorsa per me, poi mi è piaciuto talmente tanto... e insomma, sapete che non metterei mai in un giveaway qualcosa che non ho testato.

venerdì 3 febbraio 2012

2 0 0 F O L L O W E R S + G I W E A W A Y !

Sapete cosa amo di più dell'avere un blog? Come le cose possano cambiare la tua giornata.
Stamattina mi sono svegliata d'umor nero causa neve (70 centimetri), autocondannandomi ad un'altra giornata chiusa in casa coi libri. Mi siedo a far colazione, apro il computer, guardo la posta, apro il blog e... 200 meravigliosi fan.
Queste sono le cose che ti cambiano la giornata, non scherzo. E non solo perché esci a comprare quelle ultime due cose che avevi in mente per il giveaway, quando ero asserragliata in casa da, tipo, due giorni. 

E insomma, giveaway :) che è un piccolo -sempre insufficiente!- modo per ringraziarvi. Per ringraziare tutte voi (ma anche tutti voi, eventualmente), che leggete, che commentate e che mi aiutate a tener duro in quei giorni in cui penso che proprio non  ho voglia di aggiornare. 

Bene, adesso le cose serie...

giovedì 2 febbraio 2012

Matita Sopracciglia Essence

Pro: sopracciglia perfette in un istante ad un prezzo pressoché inesistente.
Contro: la durata non è granché ed in effetti i colori non sono troppo naturali. Io mi ci sono trovata bene però.
Prezzo: 3,49 euro.
Dove: Coin, OVS.

Le sopracciglia per me sono una questione di fondamentale importanza. Nessuno all'infuori di me vi ha mai messo mano e nessuno mai lo farà. Hanno una classica forma ad "ala di gabbiano" e mi piacciono un po' grosse. Magari uno di questi giorni metto una foto :D
Di solito uso le pasticche di cera che si trovano nello Smokey Eyes Kit di Benefit, e sogno di possedere il kit Brows A Go-go. Con cere e pennellino mi trovo piuttosto bene perché le trovo molto modulabili e si sfumano bene.
Non so perché io abbia acquistato questa matita, ma mi piace! (cioè, anzi, lo so: il Brows A Go-go per ora ha un prezzo proibitivo e le pasticche in cera non sono molto comode da mettere in una pochette, ecco).
E' presente in tre tonalità (nero, castano, biondo) ed io ho preso quella castana. Sul web molte ragazze si lamentano che questo colore viri un po' sul rossiccio... in effetti è vero, ma visto che di mio ho i capelli ramati, non si nota troppo e non mi dispiace affatto.
La scrivenza è piuttosto buona e soprattutto, cosa per me molto importante, la mina non è affatto grassa. Se così fosse, probabilmente "scivolerebbe", macchiando e ungendo anche al di fuori delle sopracciglia.
La uso tracciando piccoli segni e sfumandoli poi con le setole che ci sono sul cappuccio; soprattutto per rafforzare la coda delle sopracciglia o eventuali piccoli "buchi" dove le pinzette hanno lavorato un po' troppo :D
La durata mi piace abbastanza. Non è di certo eccelsa, ma regge per una mattinata.
L'effetto è molto naturale. Ho notato che la differenza con le pasticche in cera è che queste ultime tendono a marcare un po' troppo. Mi ripeto: come effetto mi piace, specialmente con un trucco più soft, ma magari per la mattina non è l'ideale.

P.S.: comunque, il mio metodo preferito per avere le sopracciglia ordinate è sempre lo stesso: una bella passata di un vecchio mascara secco!

Back to top