venerdì 5 ottobre 2012

Naked 2; Urban Decay

Pro: 12 ombretti di ottima qualità, un doppio pennello, un lucidalabbra. In due parole: un must.
Contro: nessuno.
Prezzo: circa 44 euro. Sinceramente, se li dividiamo per gli ombretti, e aggiungiamo il pennello, non è molto.
Dove: Sephora, oppure online.

Urban Decay, che adesso ho vicino casa, diverrà una presenza molto fissa e molto "prepotente" in questo blog. Mi piace tutto di questo marchio: le confezioni, la politica (cruelty-free), i prodotti, la resa... anche il prezzo. Perché se 44 euro per una palette possono sembrare tanti, bisogna pensare che di ombretti ce ne sono 12 (ok, non sono cialde a grandezza normale, ma... quante di noi hanno mai finito una cialda? Io tipo due volte in tutta la vita!), e c'è un doppio pennello full size, più una sample di lucidalabbra.
Questa palette mi è arrivata per il compleanno, molto attesa e molto gradita. Perché dal primo momento in cui l'ho provato è per me diventata LA palette. Se, come me, non usate ombretti "chiassosi" o colorati, questa è l'unica palette che vi servirà per il resto della vostra vita.
Non solo la varietà di colori è molto interessante ma lo sono anche gli "effetti": shimmer, satin, ma anche mat e glitter. Dopo il salto, foto, colori, descrizioni e recensione :)

Foxy è un color crema, mat.
Haf-baked è bronzo, estremamente shimmer. Presente anche nella Naked originale e nella linea permanente di UD.
Bootycall -pesca, chiaro, finish satinato. Uno dei mei preferiti, da usare per i punti luce o anche da solo su tutta la palpebra mobile.
Chopper è pieno di brillantini, e presente un classico problema di Urban Decay: potrebbero cadere su zigomi e guance. Il colore è marrone, un po' rossastro, mi piace moltissimo.
Tease è mat, marrone, molto classico. Non è molto pigmentato né scrivente; mi dice poco, sinceramente.
Snakebite bronzo, estremamente glitterato.
Suspect color champagne, ottimo per i punti luce.
Pistol grigio/marrone, satinato, nessun glitter molesto.
Verve è rosa, chiarissimo, finish satinato. Sinceramente mi dice poco.
YDK è un bronzo che da al rosso, molto glitterato. Ideale da mettere su tutta la palpebra mobile.
Busted da sul viola, ma vedo anche del marrone. E' uno dei miei preferiti per fare smokey eyes.
Blackout è l'amore. E' mat ma lo amo ugualmente perché è nerissimo (ma và) e non macchia.

Gli ombretti di Urban Decay hanno un'ottima durata, generalmente; su di me è di otto ore senza nessun tipo di base.
Questa palette lo conferma, a parte Tease e Foxy che, a mio avviso, durano poco -ma poco male, perché non mi piacciono molto. Cioè, solo colori un po' banali, mentre gli altri sono davvero particolari.
Quelli più brillantinati debbono essere maneggiati con cura perché, nonostante io sia stata attenta a metterne poco alla volta, non c'è stato nulla da fare: mi sono trovata gli zigomi letteralmente ricoperti di brillantini. Quando uso ombretti del genere, trucco gli occhi prima di mettere il fondotinta, poi "strucco" le zone "colpite" da cadute libere di brillantini, e finisco l'opera :D con questo piccolo accorgimento si possono usare in tranquillità anche questi ombretti.

Quelli più scuri non macchiano, anche se naturalmente bisogna stare bene attente a dosarli bene. Generalmente la texture è morbida, in alcuni siti americani è stata descritta come "buttery", ed in effetti non posso che confermarlo!

Direi che i miei preferiti sono Suspect, Busted, Blackout, Pistol... anzi, sapete cosa? Vi dico quali sono quelli che non mi piacciono, che si fa prima: Tease e Foxy.


Naturalmente questa palette ha moltissimi usi. Io da quasi una settimana a questa parte non uso altro: al mattino per andare all'università uso ombretti come Half baked o Chopper su tutta la palpebra mobile; alla sera, "rinforzo" con Blackout, Busted o Pistol, creo punti luce et voilà: si hanno smokey eyes favolosi.
Per una volta spendo due parole anche sul packing: è di metallo, forte e resistente. Quello della Naked originale è di velluto, molto elegante ma -mi dicono- anche molto fragile. Questione di gusti ed abitudini: per me è meglio il metallo!

Spero che questa mia recensione abbia convinto anche le più recalcitranti a dare un'occasione a questa palette favolosa. Ancora una volta: perdonatemi le foto: sto ancora facendo amicizia con la macchina fotografica nuova e potrebbe volermici un po'.

P.S.: la minitaglia di lucidalabbra la recensisco a parte, ché è un discorso lungo e complesso. Nello stesso discorso ci infilo anche il pennello doppio!
P.P.S.: Lara, ti ho convinta...? :D











2 commenti:

  1. Ancora attendo con trepidazione la recensione del lucidalabbra. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio! Ammetto che me ne ero scordata! Ok, aggiungo alla lista delle review da fare.

      Elimina

Back to top