lunedì 17 settembre 2012

Deerbuki, Neve Cosmetics.

Pro: un pennello piccolo, maneggevole, morbidissimo. Ed anche carinissimo.
Contro: nessuno, veramente. Ormai Neve è ben distribuita e quindi neanche l'e-commerce è più una scusa!
Prezzo: al momento è il offerta ad 11,48 euro. Io l'ho pagato 13,50 euro + spese di spedizione -che erano scontate ad uno o due euro, non ricordo bene.
Dove: qui sul sito ufficiale Neve, oppure in profumerie verdi ben fornite.

Inizio questa review non dalle cose scontate, come il dolcissimo cerbiatto impresso, ma dalle obiezioni che -lo so- verranno sollevate. Mi si dirà, infatti: ma il prezzo non è un po' alto?
La risposta è un deciso NO.
Sono i tredici euro meglio spesi dell'autunno, per me. Assieme al fondo Neve, ovviamente.
Debbo ammettere che all'arrivo ero un po' delusa: troppo piccolo, ho pensato. Ma quando l'ho provato ho capito che non è piccolo... è pratico. Significa che raggiunge agevolmente ogni zona del viso, le alette del naso, la congiunzione tra mandibola e orecchio, la mia odiosa fossetta nel mento... arriva proprio ovunque, per una risultato perfetto ed omogeneo.
Inoltre, visto che è così piccolino, posso infilarlo in ogni pochette e portarlo sempre con me.
E' morbidissimo. Per i primi tre giorni, non ho fatto altro che passarmelo sul viso come una cretina -e doppiamente cretina perché ammetto certe cose-. L'ho lavato già quattro o cinque volte e rimane morbidissimo; ci mette un po' ad asciugare poi ha le setole molto fitte, ma una volta asciutto è esattamente come nuovo. Inoltre non ha mai perso neppure una setola e sono sempre ritornate alla forma originale.

Il Deerbuki -come anche i fratellini Catbuki e Bunnybuki- viene consegnato con una scatolina di cartone montabile, che avevo all'inizio disdegnato, ma che adesso apprezzo molto: consente non solo di tenere il nostro pennello lontano da polvere, germi e brutture del genere (tutte cose che, come dire, non favoriscono una pelle bella e pulita) ma anche di tenerlo perfettamente in forma dentro la pochette. Alla mattina non mi scordo mai di riporlo e quando dovrò pensionarla -sapete com'è, è di cartone- copierò il modello per riprodurla. Oppure, più semplicemente, guarderò da Muji se c'è qualcosa che possa fare al caso mio.

Poi, diamine, il cerbiatto.

Il cerbiatto.
Avete visto cos'è?!

Allora... pensate ancora che tredici euro siano troppi? :D Anzi, adesso è anche scontato...

Nessun commento:

Posta un commento

Back to top