sabato 29 ottobre 2011

Tag: My Top 10 TV Series

Serie tv? Tag? Assieme? MIO! 
Preso da TheMorgana1985.

(non li ho messi in ordine di preferenza... sinceramente non ci riuscirei mai!)

1) Twin Peaks.
Perché se mi chiamo Laura un motivo ci sarà. Mia madre lo guardava quand'era incinta, mio padre anni fa comprò i dvd, ed io me ne innamorati perdutamente. Poi l'agente speciale Dale Cooper era tanta, tanta roba.

2) Game of Thrones.
Grazie George Martin. Davvero, grazie mille. La serie è spettacolare, i libri sono ancora meglio. E' una sorta di droga terrificante (e comunque, team Greyjoy! Sempre!)
Se ci sono screencaps più significativi di questo? Certo che ci sono. Ahem. Ma insomma. Kit Harrington + Alfie Allen + Richard Madden. 
3) Boardwalk Empire.
1920, Atlantic City, proibizionismo, gangsters, spogliarelliste, alcool, Steve Buscemi e Michael Pitt! Iniziate a scaricare, signore! 

4) X Files.
La mia ossessione dai tredici ai diciassette anni. Trash finché volete, ma uno dei trash più belli di sempre.

5) Scrubs.
Scrubs ha avuto delle prime stagioni assolutamente strepitose, per finire in un modo ignobile. Le prime stagioni comunque sono sempre, e dico sempre, divertentissime. Poi ho avuto una piccola ed alquanto imbarazzante cotta per il Dr. Cox (ma dico io, il fisico. L'avete visto? Ecco).

6) Pretty Little Liars.
Immagino che questo rientri sotto la denominazione di "guilty pleasure". Ho appena iniziato a guardarlo, è assolutamente demente. Ma è anche una di quelle cose con cui spengo piacevolmente il cervello. Diciamo che è il WTF all'ennesima potenza. E questo mi piace.

7) Band of Brothers.
Ve l'ho detto che ho un amore tutto speciale per le cose (film, serie, libri) ambientati durante la WWII. Mi ripeto: deformazione professionale.
Band of Brothers è bello, ben realizzato, e commovente, davvero. 

8) Merlin.
Altro guilty pleasure. Sarà per gli occhioni blu di Bradly James (Arthur), per gli zigomi assassini di Colin Morgan (Merlin), per gli effetti speciali talmente brutti da essere commoventi (un drago di cartapesta che manco al carnevale di Cento), ma io non posso staccarmene. In realtà le storylines non sono malissimo e ci sono amicizia sentimenti bla bla bla. Ma è davvero trash. 

9) Futurama.
E' un cartone animato, ma è un capolavoro assoluto. E' il mio cartone preferito di sempre.
(Vabbè, sarò onesta: voglio un ragazzo come Fry).

10) Sirens UK.
In quanti siamo a guardare Sirens? Pochi, troppo pochi, il che è un peccato perché è un piccola serie inglese molto brillanti. Sulla falsariga delle serie sui medici, ma un po' più introspettiva. Ma forse Richard Madden potrebbe aver influenza il mio giudizio. Forse.

Di serie ce ne sarebbero altre in ogni caso... Mad Men, Spartacus, The Pillars of the Earth, The Borgias, Chuck, Sherlock, TBBT... ok, devo trovarmi una vita!

(P.s.: mi permetto di ricordarvi del giveaway!)

venerdì 28 ottobre 2011

Kiko Nail Lacquer #301

Pro: un colore particolarissimo, un'ottima durata!
Contro: nessuno.
Prezzo: 3,90 euro a prezzo pieno; ma è in sconto ad 1,50.
Dove: monomarca Kiko oppure online qui.

giovedì 27 ottobre 2011

100 followers + giveaway!

Ho solo una parola: grazie. Grazie davvero. A gennaio aprii un blog essendo praticamente certa che nessuno mi avrebbe mai letta e che io stessa gliel'avrei data su dopo poco tempo. E invece, 100 followers! Ancora grazie, quindi.
Ho pensato a un giveaway semplice semplice per ringraziarvi.

mercoledì 26 ottobre 2011

Novità Benefit I'm Glam... Therefore I Am.

Ma quant'è bella? Uno spettacolo: il packaging, i colori -proprio quelli che adoro, che caso- un paio di prodotti che ancora non ho provato... insomma, ci sono tutte le premesse per far sì che questo Natale finisca sotto le mie unghiette smaltate.
Quattro ombretti, blush + applicatore, minitaglie di Girl Meets Pearl, di lip gloss Ultra Shine e di mascara BADgal. A circa 36 dollari, il che non è male, no?

(domani posto gli swatches degli smalti Kiko!)

lunedì 24 ottobre 2011

Mini haul di Kiko :)

Kiko, vecchio amico mio, da quanto tempo non ci vedevamo! Pochi acquisti miratissimi: tre smalti ed una matita. La matita è bianca, da mettere nella rima inferiore per ingrandire l'occhio -sta diventando il mio personalissimo trend autunno/inverno.
Per il resto: un glitterato viola, un dupe del Particulière, sperando che resista di più ed un immancabile rosso.
Quale sfoggio domani a lezione?

domenica 23 ottobre 2011

Olio di argan per capelli, L'Erbolario

Pro: pro? Quali pro?
Contro: unge, appesantisce, e costa anche! L'INCI tra l'altro non è dei migliori.
Prezzo: circa 21 euro.
Dove: erboristerie.

Buongiorno ragazze, oggi niente "introduzione divertente" o che, perché questo prodotto mi ha proprio fatta arrabbiare.
"Compra l'argan, compra l'argan!" mi dicevano tutte; "che fa miracoli per i capelli". Adesso, io ed i miei capelli abbiamo un rapporto dove io lascio stare loro e loro lasciano stare me; io non li strapazzo e loro si comportano bene. Quindi, perché ho voluto impataccarli con questa schifezza?

Ho seguito scrupolosamente le istruzioni: l'ho frizionato ben bene sui capelli, ho legato il tutto e ho lasciato l'impacco per una mezz'ora prima di lavare. Innanzitutto, non si lavava neanche a piangere. Ho dovuto fare tre shampoo per togliere quella sensazione di unto e appiccicoso dai miei capelli.
Ma insomma, ne è valsa la pena? Almeno dopo i capelli erano più morbidi e luminosi? Ma neanche per sogno!
Semplicemente, non penetra nei capelli, non so come dire. Si ferma all'esterno, lasciando i capelli unti e pesanti, uno schifo unico.
Questo è l'INCI, preso da uno dei ben noti forum "verdi". Per una volta do loro ragione: fa proprio schifo!

INCI:
 CRAMBE ABYSSINICA SEED OIL (condizionante per capelli / condizionante cutaneo)
 ARGANIA SPINOSA OIL (condizionante cutaneo)
 ROSMARINUS OFFICINALIS EXTRACT (vegetale)
 GLYCINE SOJA OIL (vegetale / emolliente)
 TOCOPHERYL ACETATE (antiossidante)
 PROFUMO 

Sinceramente non ho provato, come suggerisce la confezione, a lasciarlo su un'intera notte (sic!). Temo per quello che potrebbe accadere ai miei capelli e alla mia federa.
C'è altro? Ah, sì: costa pure. Il mio consiglio in questo caso è di starne il più lontane possibile!
Non so, adesso poi sono prevenuta e non toccherò l'argan mai più; qualcuna di voi ha avuto esperienze migliori?

E no, non ho voglia di collegare la macchina digitale per fotografare una schifezza del genere!

venerdì 21 ottobre 2011

Tag: tanto non lo comprerò mai!

Visto da What's in my bag, non potevo lasciarmelo scappare!



- Il sapone di Aleppo Nour? No
- Il Cleanse&Polish Liz Earle? No
- L'Elicina? No
- Lo struccante bifasico "Fior di Magnolia"? No
- Gli ombretti Neve make up? No
- Una BBCream? No
- Il Primer Potion Urban Decay? Sì
- La Too Faced eyeshadow insurance? No
- L'olio indiano Forsan? No
- Un prodotto Elf? Sì
- L'hennè(che sia neutro o colorato)? Sì
- Gli Shampoo della linea gabbiano dell'Esselunga? No
- Un qualsiasi prodotto Fitocose? Credo. Non ne sono sicura!
- Una collezione o qualche pezzo di una collezione Essence? Sì
- I prodotti Essence? Sì
- I long lasting stick eyeshadow di Kiko? Sì
- Il rossetto Russian Red di Mac? No
- La Naked Palette di Urban Decay? Magari... *sospira*
- Le Palette Zoeva(o cinesissime) da 120 colori,88 colori e compagnia bella?(se sì dicci quale) No
- Un prodotto Mac? (se sì,specifica quale) Sì, Lip Tinte Conditioner, ciglia, finte, correttori, ombretti...
- Uno shampoo I Provenzali? No
- Un balsamo I provenzali? No
- Un prodotto I Provenzali? Sì
- Uno smalto color fango? (marca?) Particuliere di Chanel e il Posh polish di Eyeko. Ne ho anche uno di Diego Dalla Palma.
- Gel d'Aloe Equilibra? No
- Un prodotto Lavera? No
- Uno smalto OPI? Sì
- I Lip Tar OCC? No
- Le ciglia finte? Sì
- La cipria HD di Make up forever? Un campioncino vale?
- Le Palette Sleek? Sì! 
- Le Palette Inglot? No
- Qualche prodotto Madina? No

Ho capito, ho capito: devo aprirmi di più a prodotti che non conosco XD 

giovedì 20 ottobre 2011

Chanel Rouge Allure Velvet in 39 La Fascinante

Pro: è un rossetto assolutamente regale. Un colore pieno ed una durata incredibile.
Contro: i colori sono molto "forti" e leggete più sotto...
Prezzo: 29 euro.
Dove: profumeria.

Mentre scrivo questo post porto questo rossetto, ho i capelli in stile "braided crown", ho lo smalto vinaccia H&M e un vestito verde di velluto. Mi sento decadente? Sì, molto.
Ma solo così riesco a portare questo rossetto. Che per essere bello è bello, per carità, ma è assolutamente importabile, almeno per me.

martedì 18 ottobre 2011

47 minuti.

47 minuti. Sono i minuti di ritardo che sono riuscita a raggiungere per la presentazione del Rouge Allure Velvet da Limoni. Booo. Sono pessima. Ma mi sono confusa, pensavo fosse una profumeria -e dire che avevo letto e riletto!- ed invece era un'altra; mea maxima culpa!
Comunque. E' stato proprio bello. I truccatori di Chanel erano gentilissimi, preparati e professionali; persino con una come me, perennemente indecisa tra mille sfumature di rossetto e "pesante".
Ho approfittato della consulenza di una truccatrice molto carina (e truccata divinamente, ça va sans dire) per comprare un rossetto a mia madre, un Rouge Coco -normale, non Shine: la madre detesta i luccichii molesti- e dopo averle fatto sudare le proverbiali sette camicie ho scelto il 17, Orchidée. Inutile dire che al momento propizio anche lui finirà casualmente nella mia borsetta per essere recensito.
L'ambiente in profumeria era molto piacevole: un aperitivo a buffet davvero squisito, e le commesse erano molto gentili e disponibili; sono state davvero carine con me, che ero totalmente persa.
Ho guardato affascinata il lavoro dei truccatori: ripeto, davvero bravi.
Insomma, direi che è stata un'ottima conclusione per una giornata di lezioni, no? Aperitivo + Chanel, binomio ideale.

In quell'adorabile borsina Chanel, come omaggio, c'era un Rouge Allure Velvet! Non vi dico il tuffo al cuore quando l'ho aperto. Il colore 38 La Fascinante è bello, bellissimo, carico, perfetto per l'aperitivo tra storici che ho domani sera (voglio una rissa medievisti/contemporaneisti!). Mia madre è invidiosissima del mio rossetto mat, so già come finirà: io col suo Rouge Coco, lei col mio Rouge Allure Velvet.

Avrei voluto fare più foto ma visto che non vedevo ragazze farne ho chiesto se si poteva e la risposta è stata negativa; l'unica che ho fatto è stata prima che chiedessi per scrupolo... se ci sono "reclami" ditemelo e provvederò a toglierla subito, ovviamente.


Posterò in questi giorni le recensioni dei rossetti!

Note sparse che c'entrano poco o nulla:
  • Mentre mi recavo in loco ho visto una bambina con l'ombretto. Una. Bambina. Con. L'ombretto. Ombretto serio, era simile al mio R.S.V.P. di Benefit. Ma dico io. Odio le bambine truccate. Più che altro odio i genitori che ce le lasciano andare in giro. Ovvio che anche io da piccola mi mettevo il rossetto e l'ombretto per giocare, ma in casa
  • Non so quanto possa interessarvi ma il mio amato MacBook Theon sta andando in un posto migliore. Per ora resiste, ma penso già al momento in cui lascerà definitivamente questa valle di lacrime. 
  • E' bastato "minacciare" di iniziare a lamentarmi della vita amore che langue... che qualcosa s'è smosso! Non mi sbilancio per scaramanzia, ma noto pallidi miglioramenti.

domenica 16 ottobre 2011

Clarins Lait Démaquillant Velours Gentiane

Pro: non è che non strucchi, eh... alla fine lo fa...
Contro: ... ma quanta fatica! E a che prezzo.
Prezzo: circa 19 euro per 200 ml. Appunto.
Dove: profumerie, grande distribuzione.

Che diavolo è il massaggio a ventosa? Immaginatevi la mia faccia con un grande punto interrogativo sopra. Ho la presunzione di conoscere, diciamo, tutto del mondo cosmetico... meno il massaggio a ventosa, certo.
Cercavo un latte detergente per pelli miste dato che quello Lancaster di mia madre, vecchio di secoli ma fedelissimo, è finito (RIP). 
Clarins mi è sempre sembrata una marca onesta, mi piace la loro crema, provai eoni fa un tonico, mi piacque anche quello, e quindi mi sono buttata su questo tonico.
Ora, io sono una persona presuntuosa (ma almeno lo ammetto! Non è meglio, così? No?) e a leggere bugiardini/foglietti/istruzioni manco ci penso.
Tranquilla e truccata provo il latte, allora. Lo stendo massaggiando leggermente sul viso e lo rimuovo con un dischetto. Niente. Ero ancora truccata. Ripeto. Idem.
Lascio perdere qualche giorno e poi, sconfitta, sbircio il bugiardino dove leggo del "massaggio a ventosa". Riporto quanto detto dal sito: Riscaldare il prodotto fra i palmi delle mani per portarlo alla temperatura della pelle. Applicare sul viso senza premere, con tutta la superficie delle mani ben appiattite su viso e collo, quindi togliere le mani quanto più rapidamente possibile, come se la pelle scottasse. Ripetere questo gesto 5 o 6 volte: il detergente diventa più spesso e produce un effetto "ventosa" che aspira il trucco e le impurità, senza irritare né "spostare" i tessuti.
Ringraziando che sono nella solitudine del mio bagno e nessuno mi vede, ci provo.
Qui c'è un video del metodo massaggio a ventosa. Inutile dire che io lo faccio con minor grazia della signorina, ed anche con aria meno compiaciuta.
In ogni caso, questo ridicolo balletto funziona? Nì. Nel senso che sì, il detergente strucca di più che se usato in maniera "convenzionale", ma ho comunque dovuto ripetere il tutto un paio di volte per eliminare ogni residuo di trucco.
La cosa positivissima che ho notato è che, anche se una lo massaggia, lo applica spesso e ne usa in abbondanza non unge, non crea sfoghi e non dà problemi a pelli in crisi come la mia. Insomma è decisamente rispettoso di una pelle mista.
Non saprei se consigliarne l'acquisto.... alla fine mi piace per i motivi detti, ma in ogni caso continuo a cercare un detergente migliore. Magari da usare senza schiaffeggiarsi il viso davanti allo specchio.

P.S.: come avete notato, la mia fedele compattina sta scioperando ;( spero si riprenda!

sabato 15 ottobre 2011

Garnier Fresh Gel Mousse Delicato

Pro: a me è piaciuto tanto: deterge bene, rinfresca e la pelle è più liscia. Poi ha un profumino ottimo...
Contro: un INCI non pulitissimo, mi pare di capire.
Prezzo: circa 5 euro, spesso è scontato.
Dove: grande distribuzione.
Altro: non lo sapevo e non l'ho visto, ma esiste anche una versione per pelli miste. Sarà mia!

Da quando mi sono lamentata che la mia pelle è un disastro, ha inizio a migliorare. Ha coinciso con l'utilizzo, da parte mia, di questo detergente che -non ho intenzione di farne mistero- sto amando.
Mi sono sempre piaciuti i prodotti Garnier per il viso perché non promettono miracoli ma sono "onesti", come risultato, ed il rapporto qualità/prezzo è dei migliori, a mio avviso.
Questo promette, semplicemente, una pelle più pulita e luminosa. E in effetti, dopo una decina di giorni di utilizzo, ho visto i risultati in termini di grana della pelle, più affinata, e di luminosità.
E' molto schiumogeno, il che mi fa pensare che non sia molto naturale, ma io amo i detergenti molto schiumogeni quindi a me va più che bene.

E' vero, non strucca molto, quindi prima armatevi di bifasico + latte detergente, ma in compenso purifica e rinfresca davvero molto.

Un'altra cosa che ho apprezzato è che non secca affatto la pelle. Io lo sto usando tutte le mattine e tutte le sere da circa dieci giorni; è raro che io abbia questo tipo di costanza -spesso, semplicemente, passo ad altro- ma in questo caso è stata decisamente premiata. Dopo questo lasso di tempo non ho notato sfoghi di sorta, brufoli o che. Anche il profumo è molto gradevole: dovrebbe sapere di menta... perché io sento thé, invece?
In ogni caso è davvero strano che io mi ci sia trovata -e mi stia trovando tutt'ora- così bene: la crema Garnier Fresh è una delle peggiori che io abbia mai provato, unta e crea una sorta di Domopak sul viso.

Le fanatiche delle liste ingredienti invece saranno tutt'altro che contente... ho dato un'occhiata veloce (lo sapete che 'ste cose mi annoiano!) e non è che sia proprio la peggior cosa in commercio ma ci sono diversi doppi bollini rossi. Ve lo lascio nel caso foste interessate.
Aqua/Water, Lauril, Betaine, Peg-8, Sodium laureth sulfate, Hamamelis virginiana/witch hazel extract, mentha piperita/peppermint leaf extract, vitis vinifera/grapefruit extract, panthenol, salicylic acid, tocopheryl acetate, citric acid, hexylene glycol, menthoxypropanediol, peg-120 methyl glucose dioleate, propylene glycol, sodium chloride, sodium cocamphoacetate, tetrasodium edta, butylparaben, ethylparaben, isobutylparaben, methylparaben, phenoxyethanol, propylparaben, parfum, benzyl silicylate, limonene, linalool.

Come dicevo, la mia pelle ha iniziato a migliorare nel momento in cui io me ne sono lamentata qui... quindi, ragazze, non vi dispiace se d'ora in poi inizio a lamentarmi più spesso che la mia vita amorosa langue, vero? ;)


giovedì 13 ottobre 2011

Lula, Girl of my Dreams.

Oggi non vi parlo di trucchi o cosmetici, ma di una rivista che amo moltissimo, Lula. Chiamarla rivista di moda è... riduttivo. E' di più, almeno per me. Per me si tratta di bellezza, ispirazione, idee... volendo è anche un bell'oggetto da collezione, infatti gli altri numeri che ho li custodisco gelosamente. Esce circa una volta ogni quattro mesi, è difficile da trovare ma se la trovate... beh, ne vale la pena, credetemi. 
Vedete dalle foto che ho fatto che dal punto di vista grafico è particolarissima.

martedì 11 ottobre 2011

C'est chic! Ombretti H&M.

Pro: tutti! Sono scriventi e durano a lungo.
Contro: l'unico che mi viene in mente è che non in tutto gli H&M vi è un angolo cosmesi.
Prezzo: 3,45 euro.
Dove: H&M, reparto beauty.


Pare che sia chiaro chi quest'anno si aggiudica il titolo di "sorpresa cosmetica": H&M.
Già. Ho provato smalti, blush, matite (ve le devo ancora far vedere), maschere (idem, ma sono la cosa che ho apprezzato di più... per ora) e lucidalabbra e non c'è una cosa che mi abbia delusa. Quindi, mi son detta, diamo una chance anche agli ombretti.
Ombretti che tra l'altro sono grandi e tanti. Una palettina da quattro colori, con cialde belle grosse (più di una moneta da due euro) e pesanti, con una elegante tramatura.

domenica 9 ottobre 2011

Lèvres Scintillantes Chanel in 149 Nakkar

Pro: un bel colore pieno e brillante ed una ottima durata per un gloss.
Contro: vedere sotto la voce "prezzo". Poi è un po' appiccicoso.
Prezzo: 24 imbarazzanti euro.
Dove: io l'ho preso da Rossi. Credo di essere tipo azionista di maggioranza ormai :3

venerdì 7 ottobre 2011

Lovely Blog Award

Sono stata taggata da Nadeshiko!

Dunque, sette cose random su di me...

1) Sono una ricamatrice. 
Ebbene sì. Datemi della nonna, della vecchietta, ma è una cosa che adoro. Ricamo sin da quando sono molto piccola (circa 7 anni), mi rilassa e, molto poco modestamente, sono anche davvero brava.
Cotone Mouliné, con il quale ho a che fare quotidianamente.
2) Adoro i film vecchi. Molto vecchi, intendo. Diciamo quelli muti, di Murnau, e via dicendo.
Nosferatu; Murnau; 1922
3) Forse ve l'ho già detto, ma ho un debole per i film e le serie storici/in costume. Sarà deformazione professionale, non so che dire. In particolare, impazzisco per quelli di guerra.
The Pacific, una splendida serie ambientata durante la IIWW
4) Detesto Jane Austen. Non picchiatemi. E' una storia lunga e complessa, per farla breve trovo i suoi libri smielati, banali e ingiustamente mitizzati. 
Ugh! 
5) Sono una patita di musica classica; mio padre mi ha passato questa passione. Adoro anche l'opera.



6) Un giorno mi farò i capelli rosa. Non so quando ma so che lo farò. Non dico un taglio strano, punk o che. I miei capelli, con le loro belle onde bon ton... ma rosa chiaro.

7) Ho uno strano debole per i ragazzi con gli occhiali. Curiosamente, non sono mai riuscita ad uscire con uno di loro.
Esiste un modo di rendere quel bel figliolo di Gregory Peck ancora più bello? Certo: occhiali.

Io taggo... tutte voi! Davvero, avete tutte blog così carini, non ne voglio "scegliere" alcuni. 

mercoledì 5 ottobre 2011

Quale fondotinta scegliere per l'inverno?

Mie belle, ho deciso che questo inverno, per capriccio, tradirò il mio amato HD MUFE. Più che altro, sembra che ci sia una congiura in atto per farmi desiderare qualsiasi fondo io veda: oggi mentre sfogliavo l'ultimo numero di Harper's Bazaar ne ho visti ben due, che si vanno ad aggiungere alla già lunga lista dei "papabili".
Io ve li illustro, voi che mi dite?



Smoky Lashes Mascara, MUFE

Pro: allunga e incurva molto.
Contro: non separa, dura poco e costa uno sproposito.
Prezzo: 21,56 euro.
Dove: monomarca MUFE o Sephora.


Di tutti i bei campionci che MUFE mi ha dato assieme ad un corso di trucco (ah, data indicativa: 14 novembre, ma da confermare) questo è stato l'unico che non mi è piaciuto. Peccato, davvero: perché adoro i mascara -credo ve ne siate accorte-, perché adoro MUFE e perché adoro qualsiasi cosa contenga la parola "smoky".
Sono tuttavia contenta di averlo provato, ovviamente, perché ne sentivo parlare da tanto di quel tempo che stavo meditandone l'acquisto e mi sono così risparmiata circa 21 euro.

Lo scovolino è di quelli  "classici", con tante setole, fitte e di diverse lunghezze. Preleva una quantità di prodotto ottimale, ideale per una sola passata e per non macchiarsi tutta la rima inferiore.

Occhio struccato
Già dalle prime passate ho notato che si fa una discreta fatica a separare bene le ciglia, che risultano un po' a "ciuffetti". In compenso però le allunga davvero molto e fa una cosa che pochissimi mascara fanno, ossia incurvare. Mi auguro che tutti questi bei pregi si possano notare dagli swatches che ho fatto :D anche perché si fermano qui. Ossia, fa le ciglia un po' a zampetta di ragno e personalmente ho notato alcuni grumi.
Poi, la durata. Non cola, non si frantuma in mille odiosissimi pezzetti, ma... svanisce. Non dico che dopo qualche ora fosse come se non l'avessi mai messo, ma quasi. E tutto questo, per 21 euro, è un po' poco, non trovate?
La cosa assurda è che sembro l'unica nel web a non amarlo. Sul forum di Profumissima tutte me ne tessevano le lodi, e ho visto messaggi d'amore a questo mascara anche altrove. Voi l'avete provato?

martedì 4 ottobre 2011

Morbida glassa rosa e biscotti allo zucchero ♥

Morbida glassa rosa...
Precisazione: la ricetta originale prevede le misure in cups. Dopo anni passati a fare conversioni, mi sono comprata i misurini -cosa che comunque consiglio di fare, dato che tutte le ricette americane prevedono i cups, sigh.

Ingredienti:
  • 125 gr burro
  • 1 cup zucchero (circa 200 gr)
  • 3 cups farina (circa 375 gr)
  • 1 cucchiaino lievito vanigliato
  • 1 uovo
Step:
  • Montare il burro a spuma. Deve essere morbidissimo, cremoso e di colore più chiaro affinché venga bene.
  • Aggiungere lo zucchero e, successivamente, l'uomo. Amalgamare bene. 
  • Mischiare la farina ed il lievito e setacciare, poco alla volta, sopra il composto. Alcuni fanno tutto questo mixer o col robot da cucina, ma francamente lo trovo... uh, stupido? Nel senso, non è cucinare se ti limiti a mettere tutto nel Bimby. 
  • Impastare bene, anche con le mani, avvolgere nella pellicola trasparente e mettere a riposare in frigo per un'oretta. Gli americani dicono anche tutta notte, sinceramente mi sembra esagerato...
Mentre l'impasto è in frigo preriscaldate il forno a 150°, possibilmente ventilato, e tirate fuori la teglia.
Lasciare l'impasto in frigo serve a non far "gonfiare" troppo i futuri biscotti in forno; a fargli mantenere la forma insomma. 
Adesso sbizzarritevi con le formine! Io ne ho usata una classicissima, da veri biscotti retrò. Però i miei preferiti con i biscotti a forma di omini. Mentre stendete i primi pezzi di pasta riponete sempre quella restante in frigo, così come riporrete i rimasugli che staccate dalle forme. 
Come tempi di cottura, indicativamente, un 10-12 minuti, ma ovviamente dipende molto da quanto alti e grossi sono (vi consiglio sempre e comunque di non farli sottilissimi, di lasciarli alti circa 3 mm). Controllate spesso la prima informata per regolarvi e toglieteli quando i bordi sono dorati. 
Lasciateli raffreddare su una grata possibilmente.
Se dopo un po' vi rompete (non sembra, ma con le dosi della ricetta ne vengono milioni :D) potete mettere la pasta in freezer per riutilizzarla.

Adesso: ho dei biscotti buonissimi. Come posso renderli anche carini?
La ia più classica è quella della glassa. Con un albume montato a neve, zucchero a velo in abbondanza, succo di limone e colorante e sac à poche è piuttosto semplice e otterremo i classici sugar cookies americani. Volete rifarvi gli occhi? Date una controllata qui.
Altrimenti: cioccolato fuso oppure, prima di infornare, spolverarli di zucchero. O anche le codette. O le palline d'argento...

Come del resto per il make up, i segreti sono due: pratica e pazienza. Tanta pratica, e tanta pazienza.

lunedì 3 ottobre 2011

Sugar Pink beauty Girl


Mi sono occupata di cose rosa, mi occupo quasi sempre di bellezza, non m'ero ancora occupata di zucchero. E così, eccomi :) complice la tanto desiderata piping bag, per decorare con la glassa e un po' di depressione pre-università, ho deciso di fare qualche sugar cookie decorato con glassa. Per cercare di risollevare il mio umore (se qualcuna vuole la ricetta, basta un fischio e la posto).

Cose varie dalla settimana appena trascorsa:
Il mio compleanno! Lo so che probabilmente non ve ne frega una mazza, ma i miei amabili genitori mi hanno regalato un mini corso di trucco presso il monomarca MUFE di Bologna. Mi porterò due amiche per farmi da cavie, ci sarà da divertirsi. Naturalmente, mi armerò di macchina fotografica!
Ma il regalo che ho apprezzato di più è stato quello di mia nonna: una catenina con scritto, in un delicatissimo e semplice corsivo, il mio nome. Semplice semplice, ma chic e d'effetto. La adoro.
Da mio padre, libri di cucina! Mi conosce bene, a quanto pare. Libri anche da alcune amiche, più alcuni dvd.

Da domani riprendo a recensire cosmetici, giuro. Ho campioncini molto interessanti di MUFE e sto testando il caffeine roll on di Garnier. Per ora non funziona, ma io non demordo: con l'università avrei proprio bisogno di una bacchetta magica anti-occhiaie! Sto provando anche un detergente; mi piace.

Varie ed eventuali:
  • La mia pelle continua a farmi impazzire. Davvero, ne parlo con leggerezza ma sono un po' preoccupata... dite che è possibile che l'acne venga a 20/21 anni? O forse è una sorta di punizione divina per le volte in cui al liceo ho preso in giro le ragazze con la pelle grassa? 
  • Secondo gli orari dell'Unibo io dovrei essere in grado di essere in tre luoghi contemporaneamente alla stessa ora. Ho passato tutto il week end a fare orari, e ancora non ne sono uscita.
  • Non riesco a smettere di ascoltare la colonna sonora di Marie Antoinette. Sono problemi seri. 

Back to top