martedì 20 dicembre 2011

"I can see the world and it ain't so big at all"


Si avvicina l'anniversario del mio blog e mentre preparavo una review mi sono trovata a chiedermi se l'avere un blog, scrivere (quasi) quotidianamente di cosmesi e make up, commentare altri blog, cercare altre informazioni, abbia cambiato il mio rapporto con questo aspetto della mia vita.
La risposta non solo è sì, ma è: sì, moltissimo.
Come ho avuto spesso modo di dirvi, sono un'affamata divoratrice di bellezza sin da quando sono piccola. Ho fatto il mio primo corso di trucco a quindici anni, l'ultimo neppure due mesi fa. Posso dire di "intendermene" abbastanza, ma questa esperienza ha profondamente cambiato il mio rapporto con l'argomento.
Ho più discernimento, innanzitutto. Molti di noi si fanno sedurre dall'ultima pubblicità, dalle ciglia assurdamente ritoccate per promuovere un mascara miracoloso, da quanti ragazzi bacia una modella senza lasciare su di loro tracce di rossetto. Bene, posso dire che adesso sono decisamente meno ingenua. O quantomeno, non compro quasi più nulla a scatola chiusa: mi informo, cerco notizie e leggo pareri. Che poi magari, alla fine, io il prodotto lo compri lo stesso è un'altra storia, ovviamente ;)
Questo descrive praticamente TUTTO della vita di blogger.
Una cosa molto importante è che ho imparato a conoscere di più me stessa. Ad esempio: ho sempre detto di avere di avere una pelle praticamente indistruttibile, perché ci ho messo sopra praticamente qualsiasi cosa senza che si ribellasse.
Tuttavia, recensendo prodotti ho imparato a notare anche il più piccolo cambiamento nella mia pelle e a metterlo in relazione a prodotti che magari usavo da tempo. Ho scoperto che il correttore di Helena Rubinstein oltre a non coprire assolutamente nulla, mi seccava la pelle e mi faceva uscire brufoletti sottopelle. Stessa cosa dicasi per il fondotinta Magic Wand di Too Faced: un profumo agrumato semplicemente divino, ma che brutte reazioni...
Ho imparato che "less is more". Che sto meglio con ombretto chiaro ed eyeliner piuttosto che con ombretto scuro + altro ombretto scuro + ancora ombretto scuro + un paio di righe pesanti di matita. 
Che alla fine mi dona maggiormente un look "da bambolina" che non uno ultra drammatico.
Che i miei toni ideali di blush sono il corallo ed il rosso, e non il rosa chiaro come mi ostinavo a portare. 
Ho imparato che sono una mora a sottotono rosato. Che mentre io mi ostino a oscillare paurosamente tra rossetti nude e rossi, sto meglio con quelli rosa.

(E nonostante io sia refrattaria all'argomento, ho anche imparato anche cos'è un INCI).


Ho anche imparato a non demordere: i primi due mesi di archivio sono senza visite e commenti, il che era un po' deprimente, per usare un delicato eufemismo. E ogni volta che scrivevo qualcosa pensavo "ma tanto, chissenefrega? E chi lo legge?". E quando arriva il primo commento fai un piccolo salto sulla sedia e così vai avanti, e continui a scrivere. 

Scusatemi questo post eterno e melensissimo; sono giusto un paio di pensieri che ho maturato nel corso di quest'anno!


Inoltre (cose sparse):
  • Odio ancora di più le unghie ricostruite, quelle bianche spesse centimetri!
  • Adesso non ho più smalti colorati che non uso: difatti da un paio d'anni a questa parte ho solo smalti rossi.
  • Avere un blog è bello, ma tumblr è sempre il mio migliore amico (oops! Ho infranto la prima regola di tumblr).
  • Regola per il futuro: imparare che non a tutti interessano i miei deliri riguardo la Storia...
  • ... anche perché un mio compagno di storia ha scoperto questo mio blog cercando su Google "cannone franco borgognone", nominato qui. Immaginatevi una Laura che arriva a lezione tutta tranquilla e serena, saluta un gruppo di compagni ed uno salta su dicendo "oh, ho visto il tuo blog". Il sorriso mi si è congelato sulla faccia, tipo Joker, volevo sprofondare. Sono diventata bordeaux e l'ho minacciato di morte lenta e dolorosa se ne avesse anche solo accennato a qualcuno gli ho gentilmente chiesto di non parlarne più. Come dicevo via FB avere un blog mi piace, mi diverte, mi rilassa, ma sono anche mortalmente timida... di tutte le mie amiche solo un paio ne sono a conoscenza! E' stato strano, soprattutto, ecco. 
  • Il titolo del post non c'entra nulla, ma è un verso della canzone che ascoltavo mentre iniziavo a scrivere "This time tomorrow" dei Kinks.
(P.S.: mi dimentico sempre di scriverlo ma voglio fare un giveaway per il mio anniversario. Che per inciso sarebbe il primo di gennaio).

13 commenti:

  1. ti capisco benissimo! :) Io ho iniziato a scrivere sul secondo blog da poco ma mi sono sentita così i primi tempi e vedo che sto imparando tanto! ^^
    Mi sono immaginata la scena del compagno di corso che trova il blog!! O__O che vergogna! non che ci sia qualcosa di male però io mi sarei sentita così! Anche del mio blog lo sanno poche amiche. :)
    Rispecchio parecchio la foto in pigiama, soprattutto nelle ultime settimane visto che sono sempre a casa con la gamba ingessata, sono un disastro! :D
    Ottima idea il giveaway, baci e auguri per il primo compleanno!! ^^

    RispondiElimina
  2. ma che bel post :) anche io ho imparato a non demordere...è una delle chiavi per fare strada con il blog, oltre ovviamente alla trasparenza, alla serietà ecc... in attesa del tuo anniversario e del giveaway, un bacio e auguri!!!

    RispondiElimina
  3. ahahah! mi ritrovo in un sacco di cose che hai scritto!!! condivido in pieno i primi due punti dei tuoi appunti sparsi... ricostruzione... bleah!!! inoltre io pure sono abbastanza timida... e del mio blog non è a conoscenza nessuno dei miei amici!!!
    vorrei imparare tutte le varie cose che hai approfondito te sul tema trucco... nonostante io pure sia refrattaria agli inci, ho imparato quali sono le cose che forse è meglio che la mia crema non contenga, oppure, tornando al tema trucco, con la frequentazione dei blog, mi si è aperto un mondo... e nel contempo anche una voragine nel portafoglio!!! ;)

    continua così... continueremo a seguirti!!!

    RispondiElimina
  4. Sottoscrivo ogni parola, bloggare fa crescere come persone e come consumatrici! Spero che il compagno di corso sia rimasto colpito dal tuo avvertimento! :D

    RispondiElimina
  5. Vero vero e vero. E complimenti per il primo anno!!
    p.s. a me i tuoi deliri storici piacciono:)

    RispondiElimina
  6. Hai scritto cose davvero sensate e anche piacevoli da leggere. Mi piacciono sempre questi "bilanci da anniversario". E poi che bello iniziare a scrivere il 1° dell'anno...

    RispondiElimina
  7. Seguo il to blog solo da qualche post e sono contents di avert trovata :)
    Mi ritrovo nella timidezza e nell'odio per le unghie ricostruite!

    RispondiElimina
  8. @Lucia: no, infatti, io ogni tanto penso: "ho un blog, e allora? Non scrivo nulla di male!" poi penso "ma davvero dovrebbero trovarmi interessante?" e allora sprofondo! XD

    @La Bisbetica: era spaventatissimo, povero. Che poi magari in questo momento mi sta anche leggendo. Mah… :)

    @Hermosa: grazie! E pensa che cerco anche di contenerlo, il delirio storico…

    Ragazze, ognuno dei vostri splendidi commenti è un nuovo salto sulla sedia :D

    RispondiElimina
  9. Io adoro i tuoi deliri storici! Anzi, sarebbe carino se facessi la recensione di qualche libro di storia medioevale, di quelli accessibili anche ai non addetti ai lavori ;-)

    Giulia

    RispondiElimina
  10. Congratulazioni per il tuo quasi anniversario!
    Aprire un blog è stata una piccola sfida anche per me ed anche io ho voluto iniziare senza dire niente a nessuno, una piccola scommessa con me stessa. Volevo farcela da sola e volevo farlo senza aiuto.
    Adesso alcune delle mie amiche più care sanno di questo mio progetto e sono follower, ma solo da poco, la cosa che mi ha fatto più piacere è ricevere dei complimenti da loro su quello che facevo ed è stato bello e ancora più soddisfacente :)

    Un bacione

    RispondiElimina
  11. @Giulia: davvero non sono pesante? Aww, grazie! Ed io che cerco di limitarmi...
    Sai che mi hai dato un'ottima idea? Farò un post con qualche consiglio di libri "affrontabili" e per tutti.

    @A.G.: vero, è proprio bello! Io sto iniziando ad "aprirmi", però ho sempre paura che mi giudichino per questa cosa... e neanche io so il perché.

    RispondiElimina

Back to top